POLIZIA

RIMINI: Picchia l’anziana madre per la droga, arrestato 49enne di Mondaino

Erano le 23 quando nella giornata di giovedì un equipaggio delle Volanti della Questura di Rimini è intervenuta presso un’abitazione di Mondaino, dove una anziana donna segnalava che era stata picchiata dal figlio a seguito di una accesa lite. Giunti immediatamente sul posto, gli operatori hanno trovato l’anziana donna spossata e in forte stato di agitazione con un persistente affanno, e il figlio ancora in un forte stato d’ira nei confronti della madre. Nonostante la presenza degli agenti, il figlio ha continuato a inveire contro l’anziana donna, tentando a più riprese il contatto fisico con la madre, che riusciva a trovare riparo dietro gli operatori intervenuti.

Dopo diversi tentativi e mediazioni, gli operatori riuscivano a riportare l’uomo alla ragione placando temporaneamente  il suo stato d’ira. Dopo un po’ gli operatori  acquisivano dalla donna notizie in merito a quanto avvenuto poco prima e cioè in merito alla violenta lite, durante la quale il figlio urlava frasi a voce alta, sbattendo barattoli e porte dell’appartamento, fino a quando il figlio irrompeva all’interno della sua camera da letto, armato di un bastone, tentando di colpirla. Sono stati i rumori prodotti dal figlio che hanno consentito alla donna, destatasi dal sonno, di schivare il colpo che la colpiva soltanto di striscio. A seguito delle predetta aggressione la donna impaurita iniziava a tremare rimanendo impassibile di fronte a quando le stava accadendo, fino a quando riceveva uno schiaffo al volto. Acquisite le dichiarazioni gli agenti provvedevano a richiedere l’intervento del personale del 118, che dopo interveniva provvedeva a trasportare all’ospedale, mentre l’uomo pertanto veniva denunciato per lesioni personali.

Ma non è tutto. La donna infatti l’indomani si è presentata presso gli uffici della Questura per formalizzare la denuncia, mostrandosi molto preoccupata per la propria incolumità, visto che il figlio, era tossicodipendente da diversi decenni, aveva provato invano a disintossicarsi e da qualche mese soffriva di crisi di rabbia e nervosismo dovute probabilmente alla mancata assunzione di sostanza stupefacenti: l’uomo infatti offendeva ripetutamente la madre, minacciandola di ammazzarla poiché non gli consegnava il denaro necessario per l’acquisto della sostanza. La donna dopo le dimissioni dall’ospedale, rientrando a casa, incrociava il figlio, il quale le ha chiesto se lo avesse denunciato, minacciandola che, se lo avesse fatto, l’avrebbe ammazzata, tanto che si sarebbe personalmente presentato presso gli uffici della Questura per verificare l’accesso alla Questura da parte della madre.

A questo punto, i poliziotti hanno fatto gli accertamenti per verificare quanto stava accadendo, al fine di escludere che la donna fosse in pericolo. E infatti i timori della donna e i sospetti dei poliziotti si sono rilevati fondati. Nella sala d’aspetto dell’Ufficio denunce della Questura di Rimini, infatti, i poliziotti hanno trovato e identificato il figlio tossicodipendente, il quale ha cercato di motivare con diverse scuse la sua presenza in Ufficio. A quel punto i poliziotti hanno arrestato l’uomo per violenza privata, un cittadino italiano di 49 anni,, reato per il quale il Tribunale di Rimini ha convalidato l’arresto, associandolo presso il carcere di Rimini.

Condividi.

Notizie correlate