wpid-picchiare.jpg

RIMINI: Picchiò la compagna procurandole un trauma cranico. Ora ai domiciliari

Poco prima di Natale aveva picchiato forte la compagna, al volto e alla nuca, mandandola al Pronto Soccorso con un trauma cranico. Un romeno 38enne di fronte al giudice in sede di interrogatorio di garanzia aveva mentito negando di aver picchiato la donna nonostante la violenza fosse avvenuta davanti al figlio minorenne. Non era la prima volta che maltrattava la donna, la quale aveva sporto una prima denuncia nell'agosto del 2014 fino a quando il 17 dicembre scorso non è arrivata in ospedale priva di sensi per il forte colpo alla nuca ricevuto dall'uomo dal quale era stata dimessa con una prognosi iniziale di 60 giorni. Dopo le indagini, il gip aveva firmato l'arresto in carcere per il rumeno che, aveva ritrattato le dichiarazioni e difeso dagli avvocati Massimiliano Orrù e Tiziana Casali aveva finito per confessare e chiedere scusa. Questa mattina, dopo due mesi, ha lasciato il carcere di Rimini, per gli arresti domiciliari come deciso dal gip nonostante il parere negativo del pm Davide Ercolani. Il romeno sarà ospitato da una famiglia di rumeni a Riccione.

 

Condividi.

Notizie correlate