RIMINI: Processo Pepenero, otto rinvii a giudizio – VIDEO

Le peperine ormai non ci sono più, ma quella che una volta era la loro casa torna a far parlare di se. Ci sono novità a Rimini attorno la vicenda Pepenero, il noto night club di Riccione che fu posto sotto sequestro nel 2013 dopo una accurata indagine della Guardia di Finanza. Oggi si torna a parlare di questo perché, in tribunale, il giudice per le udienze preliminari ha rinviato a giudizio ben otto persone, tutte coinvolte a vario titolo nella vecchia gestione del locale tra ex amministratori o prestanome. Tutto ebbe inizio nel 2012 con l'inchiesta denominata “tie's friends”, che scoperchiò uno strano giro di soldi ed amicizie pericolose. Il processo in corso vuole fare luce sulla presunta bancarotta fraudolenta della vecchia società di gestione, la Calderone srl, che secondo gli inquirenti sarebbe accaduta nello stesso periodo in cui vengono contestati, in un altro filone di indagine, reati che vanno dall'estorsione all'usura. Il sospetto è che su quel noto locale, famoso in tutta Italia, ci fosse lo zampino della malavita organizzata. Dopo i sigilli, il Pepenero provò a riaprire, prima con la stessa formula di night club e poi dedicandosi ai balli caraibici, tutto senza successo. Ora processo a parte, un nuovo fantasma di cemento aleggia sul lungomare di Riccione, in attesa di qualcuno che possa utilizzare la struttura con regole trasparenti.

Condividi.

Notizie correlate