RIMINI: Sequestrati alberghi in “odor di mafia”, ospiti trasferiti – VIDEO

Due alberghi di Rivazzurra di Rimini sono stati sequestrati e sgomberati dai carabinieri perché intestati ad un soggetto sotto sorveglianza speciale, misura prevista dal nuovo codice antimafia. Il provvedimento è stato emesso dal tribunale di Rimini dopo una lunga indagine dell'Arma. Si tratta delle gestioni dell'hotel Corona e dell'hotel Austria, riconducibili ad un 36enne campano vicino alla famiglia Lanna.

Secondo le indagini le intestazioni, prima ad una società poi direttamente a prestanomi, erano solo fittizie, per nascondere gli interessi della famiglia Lanna già gravata in passato da provvedimenti simili. La proprietà dei muri dei due alberghi è totalmente estranea alla vicenda: i provvedimenti del tribunale riguardano sono le gestioni.

I militari, grazie all'aiuto della presidente degli albergatori riminesi, Patrizia Rinaldis, hanno trovato una nuova sistemazione ai 63 ospiti dell'hotel Corona e dell'unico presente all'hotel Austria.

Condividi.

Notizie correlate