ROMAGNA: Sversamento di gasolio nel Bevano, si quantificano i danni – VIDEO

Dopo lo sversamento di gasolio nel Bevano dei giorni scorsi si inizia a fare la conta dei danni ambientali. E’ già stato aperto, infatti, il fascicolo per reato di inquinamento ambientale anche se ancora non ci sono nomi sul registro degli indagati. La Guardia forestale di Forlì nella nottata di ieri  ha proceduto, su mandato del Pm, a sequestrare la cisterna da cui sarebbe travasato il gasolio riversatosi nel Bevano. La cisterna era localizzata all’interno di un piazzale di un’azienda di autotrasporti a Forlimpopoli. È proprio in quel piazzale che i tecnici della Forestale e di Arpa, hanno individuato notevoli residui di gasolio. Il carburante era travasato dalla cisterna per poi confluire nel collettore fognario e da lì nei canali di scolo Melatello e Rosetta fino ad arrivare al Bevano. Si  ipotizza, per ora, solo la colpevolezza del reato e non il dolo e quindi si tratterebbe di un’ incidente.  Ma ci vorranno ancora alcuni giorni per quantificare l’effettivo danno ambientale e stabilire anche la rilevanza penale del fatto.  Intanto l’opera di bonifica è passata in capo ai Comuni di Forlimpopoli, Forlì e Ravenna. Si procederà ad un lavoro di tamponamento attraverso le “panne ” assorbenti per cercare di asportare più gasolio possibile dalle acque.   Quando saranno formalizzate le responsabilità il comune di Forlimpopoli  procederà a emettere un’ordinanza per ingiungere all’ azienda di provvedere alla bonifica, intanto ha bloccato i collettori sotto al piazzale per evitare che altro gasolio continui a convergere nella rete. I comuni coinvolti si stanno mobilitando anche per chiedere i danni a chi verrà individuato come responsabile.

Condividi.

Notizie correlate