(VIDEO) RAVENNA: Un weekend tragico sulle strade, tre i morti

Un sabato letteralmente di sangue sulle strade del ravennate con tre persone decedute e un ravennate invece ha perso la vita in un sinistro in moto in Toscana. Il primo incidente mortale della giornata era accaduto a Bagnara e a perdere la vita era stato Ahmed Mekaoui, un 31enne marocchino che era finito con l’auto prima contro il cordolo della strada e poi contro una cancellata. Solo un paio d’ore dopo a perdere la vita è stato il bagnacavallese 56enne Michelangelo Mazzotti che stava percorrendo la strada brisighellese, nel faentino, in sella alla propria Mv Agusta quando si è scontrato contro una vettura che stava svoltando a sinistra. Violentissimo l’impatto e purtroppo per il centauro, da sempre motociclista e appassionato delle due ruote,  non c’è stato nulla da fare.  Trascorse un paio d’ore di nuovo le sirene delle ambulanze sono tornate a suonare nel ravennate e questa volta il personale medico ha cercato di soccorrere, purtroppo inutilmente, il centauro, Ivan Carli Ballola, 44enne residente nel comacchiese, che ha perso il controllo della propria Honda nel tratto di strada tra Ravenna e Sant’Alberto andando a schiantarsi contro il guardrail prima di volare nella scarpata che costeggia la strada. In base alla ricostruzione effettuata dalla Polizia Municipale di Ravenna sembra che la causa sia stato un lieve contatto con la moto di un amico e il centauro avrebbe perso il controllo del mezzo e ne sarebbe stato sbalzando.  L’impatto con l’asfalto è stato particolarmente violento e nonostante le cure immediate del personale medico, il 44enne è deceduto in ambulanza durante il trasporto in ospedale. Nelle stesse ore un altro incidente è costato la vita in Toscana  a Maurizio Milandri, un 54enne ravennate che a bordo della sua Yamaha R,  in una curva nel territorio di Stia, nell’aretino, si sarebbe scontrato con un furgone che proveniva dall’opposto senso di marcia. Anche per lui la gravità della ferite riportate ha reso inutile ogni soccorso del personale del 118. 

Condividi.

Notizie correlate