EMILIA ROMAGNA: Caso banche salvate, risparmiatori imbufaliti anche in regione – VIDEO

Ci sono molti romagnoli coinvolti nel crack di quattro banche, Popolare dell’Etruria, Cassa di risparmio di Chieti ed in particolare Banca Marche e Cassa di risparmio di Ferrara. Come noto i quattro istituti di credito, per varie vicissitudini tra le quali casi di presunta corruzione e ruberie varie, versavano in condizioni disperate, rischiando il default totale. Il governo Renzi, di recente, ha deciso di applicare le ultime regolamentazioni europee per salvare le quattro banche, creando delle realtà ponte, lasciando debiti e sofferenze nelle cosiddette “bad bank”. Correntisti dunque salvi, ma grossi guai per decine di migliaia di azionisti ed obbligazionisti, che, pare a volte costretti, avevano investito in tali realtà e che hanno visto azzerato il loro valore, a volte l’intero risparmio di una vita.

A farsi carico del salvataggio il sistema bancario italiano che ha messo sul piatto circa quattro miliardi di euro. Mentre le associazioni dei consumatori annuncianovano dure azioni, nei nostri studi interveniva il presidente di ABI Emilia Romagna.

Condividi.