EMILIA ROMAGNA: Imprese giovanili, è calo – VIDEO

Continua il calo delle imprese giovanili in Emilia-Romagna, con un tasso negativo più pesante rispetto a quello nazionale. Secondo i dati di Unioncamere Emilia-Romagna, le aziende gestite da giovani under 35 sono infatti 33.991, appena l'8,3% delle imprese regionali. Non accennano a mollare la presa due fenomeni che, congiunti, si rivelano fatali, la crisi economica e della restrizione del credito: nel 2015 hanno chiuso i battenti ben 1.261 aziende, con una lieve accelerazione della tendenza negativa (-3,6%), che invece appare più contenuta per le altre imprese, diminuite dello 0,3 per cento. La tendenza in regione è, da tempo, più pesante di quella nazionale, che vede le imprese giovanili diminuire del 2,7% e le altre imprese invertire la tendenza e fare segnare un lieve aumento (+0,2%). Svetta in questa classifica il Trentino-Alto Adige che registra un +0,6%, mentre la nostra regione si piazza al tredicesimo posto.

Nel dettaglio, il calo delle società di persone è molto più intenso. Queste risentono dell'attrattività della normativa delle società a responsabilità limitata di cui si avvantaggiano le società di capitale, che però rallentano sensibilmente la loro forte crescita (+12,3%). A trascinare giù le statistiche anche delle imprese giovanili è soprattutto il pesante crollo delle aziende edili (-1.041 unità, -11,2%), a cui si aggiunge l'accelerazione della caduta delle attività dell'industria (-140 unità). Unica nota positiva, in forte controtendenza rispetto agli altri settori, è l’aumento delle imprese attive nell’agricoltura, che sono cresciute di 76 unità nel corso del 2015. 

Condividi.

Notizie correlate