wpid-assessore-Caselli-incontra-a-Faenza-delegazione-argentina_180716.jpg

EMILIA-ROMAGNA: L’Argentina chiama e l’Emilia-Romagna risponde – FOTO

Rappresentanti delle istituzioni dell'Emilia-Romagna si sono incontrati con una delegazione della provincia argentina del Rio Negro per individuare possibili collaborazioni in campo agricolo, in particolare nell'ambito della frutticoltura e dell'innovazione tecnologica, anche con l'obbiettivo di rafforzare gli scambi commerciali e i legami istituzionali tra i due territori. Ieri a Faenza, presso lo stabilimento della coop Granfrutta Zani, l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli, e il presidente della provincia di Ravenna Claudio Casadio alla testa di una delegazione formata dal direttore generale dell’assessorato Valtiero Mazzotti e da alcuni funzionari regionali, hanno incontrato il governatore della provincia argentina del Rio Negro, Alberto E. Weretilneck, accompagnato dall’ambasciatore dell’Argentina in Italia Tomàs Ferrari, insieme ad un numeroso gruppo di imprenditori del settore agroalimentare del paese sudamericano in missione tecnico-commerciale in Emilia-Romagna. “Nel corso della visita – ha commentato l'assessore – gli imprenditori argentini si sono dimostrati molto interessati all’avvio di collaborazioni per lo sviluppo delle innovazioni tecnologiche in agricoltura. E l’Emilia-Romagna, per il suo alto livello di specializzazione nel comparto, può offrire un valido supporto in questa direzione”. Il Rio Negro è una provincia ad alta vocazione agricola situata nella parte meridionale dell’Argentina, in Patagonia, al confine con il Cile. Un territorio con un’estensione pari a due terzi dell’Italia e che tra l’altro vanta solidi legami con l’Emilia-Romagna per la presenza di una folta comunità di emiliano-romagnoli arrivati in Sudamerica all’inizio del ‘900 e che hanno dato grande impulso all’agricoltura locale, grazie soprattutto ad un vasto programma di opere idrauliche.

Condividi.

Notizie correlate