wpid-Foto-conf.-stampa-riorganizzazione.jpg

EMILIA-ROMAGNA: Riorganizzazione in Regione, risparmi per 36milioni

Ridotte da 10 a 5 le Direzioni generali, risparmi per oltre 36 milioni di euro entro il 2019. Procedure più semplici e maggiore attività di controllo. Le novità illustrate oggi alla stampa dal presidente Bonaccini e dall’assessore Petitti

Ad illustrare il piano alla stampa sono stati oggi il presidente Stefano Bonaccini e l’assessore all’Organizzazione Emma Petitti.
“In meno di un anno – ha affermato Bonaccini – siamo riusciti a definire la riorganizzazione della ‘macchina Regione’. Una macchina che funziona: è anche grazie ai suoi dipendenti e ai suoi dirigenti se l’Emilia-Romagna è sempre stata riconosciuta come regione di buon governo. Ma di fronte a una nuova stagione di riforme era necessaria una nuova strategia organizzativa, capace di mettere al centro le politiche che vogliamo realizzare. Le macro aree che abbiamo individuato corrispondono alle nostre priorità: cura della persona, ambiente, cultura e lavoro. Sono molto soddisfatto – ha aggiunto – ma naturalmente toccherà a noi dimostrare che questa riorganizzazione è in grado di funzionare”.
Bonaccini ha poi annunciato il nome del Capo di Gabinetto, il 46enne carpigiano Andrea Orlando. “Una figura già prevista nell’ordinamento regionale, che abbiamo deciso di reintrodurre con funzioni di regia e coordinamento delle attività dei direttori generali”.
Un tema su cui si è soffermato il presidente è la riduzione dei costi: “Quello dei tagli non era il nostro scopo prioritario, prioritario è riuscire a dar corso al programma ambizioso che ci siamo dati; certo in quel programma c’era anche l’obiettivo di ridurre i costi. Lo abbiamo già fatto, primi in Italia, per quelli della politica. Con la nuova organizzazione da qui a fine mandato risparmieremo altri 36 milioni di euro”.
L’assessore al Bilancio Emma Petitti ha spiegato che la retribuzione dei direttori generali sarà ridotta del 15% e che saranno accelerati i percorsi di uscita dei dirigenti, senza sostituzioni. “Da qui a fine legislatura – ha spiegato – i dirigenti caleranno dai 135 di oggi a 90 e il rapporto tra dirigenti e dipendenti passerà dall’attuale 1 a 24 a 1 a 40: avremo meno dirigenti e un migliore utilizzo delle risorse umane a disposizione. Vogliamo ridare forza al concetto di una pubblica amministrazione capace di valorizzare sempre di più le competenze interne e orientarle al cambiamento”.

I principi alla base della riorganizzazione
Se la nuova organizzazione dell’Ente vuole davvero cogliere gli ambiziosi obiettivi per la quale è stata pensata, è stato necessario definire un punto forte che garantisse la regìa delle diverse e complesse attività che la Regione è chiamata a svolgere.
Per questo, un primo pilastro del nuovo assetto è il rafforzamento della Presidenza quale elemento di controllo, indirizzo strategico e programmazione “di scenario”, che vede nella figura del Capo di Gabinetto il perno che garantisce equilibrio all’insieme delle attività. Per questo, il Capo di Gabinetto svolgerà un ruolo di regia e di coordinamento rispetto alle attività dei Direttori generali.
Il secondo pilastro che sta alla base della riorganizzazione è la traduzione organizzativa di quella che è la vision politica del governo della Regione.
Quindi la scelta di ridurre da 10 a 5 le Direzioni generali non è solo un tema che riguarda il risparmio economico che ne deriva (aspetto comunque importante), ma il risultato di un’analisi che ha fornito le risposte necessarie per dare gambe al programma di governo e alle priorità che la Giunta si è data: la persona, l’ambiente e  il territorio, la cultura e il lavoro, l’economia nelle sue diverse espressioni.
Da ciò discende, quindi, un modello che prevede una Direzione generale di tipo trasversale, che garantirà il supporto alle funzioni generali, di tipo gestionale e organizzative.
A questa si affiancheranno quattro Direzioni tematiche, che affronteranno gli ambiti che fanno riferimento alla cura della persona, l’economia della conoscenza e del lavoro, la cura dell’ambiente e del territorio, l’agricoltura.
E proprio il tema del risparmio economico, terzo pilastro della riorganizzazione, diventa quindi un elemento che dà valore all’architettura del sistema, nel senso che non viene considerato un valore in sé, ma fa parte integrante dell’intero disegno.
In altre parole, non si parte dall’idea di fare “tagli trasversali”, ma dall’esigenza di offrire qualità, con le risorse che si ritengono necessarie a sostenere il disegno. Come? Attraverso il superamento di funzioni ridondanti, rendendo più fluide e più semplici le procedure, aggregando competenze.
Tutto questo costerà meno rispetto a quanto la Regione mette oggi a bilancio: da qui al 2019, al termine della Legislatura, il risparmio sui costi di funzionamento supererà i 36 milioni di euro, anche grazie alla riduzione del numero dei dirigenti che, dagli attuali 135, si stima saranno 90 nel 2019.

La nuova organizzazione dell’Ente produrrà, da oggi a fine legislatura, risparmi per circa 36 milioni di euro. I risparmi sulle strutture speciali saranno pari a 6.5 milioni, le riduzioni delle posizioni dirigenziali (da 135 a 90) e delle relative retribuzioni incideranno per 18.9 milioni di euro, mentre la riduzione delle spese di funzionamento garantirà risparmi per 10.7 milioni.
Entro Natale verrà nominato il nuovo Capo di Gabinetto, mentre i contratti degli attuali Direttori, per garantire la continuità delle attività in essere, vengono prorogati a fine febbraio 2016.

Entro il 18 gennaio la Giunta nominerà i nuovi Direttori, che entreranno in servizio il 1° marzo. Entro la fine dello stesso mese verrà definito l’organico dei dirigenti e, entro fine aprile, saranno nominati i nuovi dirigenti.
Dall’inizio di maggio, la riorganizzazione sarà completamente operativa.

Condividi.

Notizie correlate