EMILIA-ROMAGNA: Università, aumentano i fondi per studiare all’estero – VIDEO

Aumentano i fondi per la mobilità Erasmus e le borse destinate agli scambi Overseas. Il Senato accademico dell’Università di Bologna ha varato nuove misure per l’internazionalizzazione, che si traducono in più fondi per chi vuole studiare all’estero, affermando ancora una volta la vocazione internazionale del polo universitario emiliano-romagnolo, che occupa il secondo posto in Europa (e primo in Italia) per le mobilità Erasmus in uscita e il quarto posto europeo per quelle in entrata. La prima novità arriva dal nuovo programma Erasmus+, il programma di scambio studentesco europeo: aumentano gli investimenti dell’Unione Europea a sostegno della mobilità per il prossimo anno accademico degli studenti Unibo, per un totale di oltre 4.640.000 euro contro i 4.140.000 dell’anno passato. E aumentano anche i fondi per la mobilità Erasmus verso i paesi extra UE (da circa 760.000 euro a oltre 1.160.000 euro per il prossimo anno accademico). Alle tante destinazioni extra UE confermate (Sud Africa, Georgia, Cina, Albania) si aggiungono diverse nuove mete tra cui Giordania, Senegal, Israele, Kosovo e Vietnam. Dal prossimo anno accademico l’Università di Bologna garantirà inoltre una borsa di mobilità a tutti gli studenti vincitori del bando Overseas, che regola gli scambi studenteschi nati da convenzioni con università non comunitarie. L’importo della borsa passerà da 2.500 euro a 3.250 euro per gli scambi con una durata compresa tra tre e sei mesi e da 4.000 a 5.200 euro per gli scambi annuali.

Condividi.

Notizie correlate