FORLÌ-CESENA: Edilizia, persi 2600 posti di lavoro in otto anni – VIDEO

La situazione del settore delle costruzioni nel territorio di Forlì-Cesena è ancora nerissima. Che l’edilizia sia tra i comparti più colpiti dalla crisi è fatto noto, ma nel territorio provinciale la ripresa è molto più lontana rispetto che altrove. Lo denuncia la Confartigianato, che snocciola numeri allarmanti. Dal 2008, anno di inizio delle difficoltà economiche, 2600 persone hanno perso il lavoro in questo settore, 400 solo nel 2015. Il danno è quantificabile in oltre 15 milioni di euro. Nel lasso temporale analizzato le attività edili sono passate da 1.034 a 600, un’emorragia pari al 42%. Con conseguente calo dell’occupazione del 38%. Le imprese artigiane sono calate del 16,4% dal 2009, nel 2015 se ne contano 4.725. A parte le difficoltà strutturali dell’intero settore, sono tanti i fattori che influiscono negativamente sulle statistiche. Primo fra tutti, il calo imponente del credito nelle costruzioni: in quasi cinque anni le erogazioni a favore degli artigiani edili sono diminuite di oltre il 36%. Sono aumentate in modo rilevante anche le sofferenze. Da Confartigianato si chiede un intervento dei Comuni, tra cui una semplificazione delle procedure relative ai regolamenti urbanistici che favoriscano un rilancio delle attività. 

Condividi.

Notizie correlate