RIMINI: Fondazione Carim, Pasquinelli lascia la presidenza – VIDEO

Il Presidente della Fondazione Carim Massimo Pasquinelli lascia l'incarico e ammette che avrebbe dovuto vendere la maggioranza una decina di anni fa. E' quanto scaturisce dall'intervista rilasciata a Il Resto del Carlino di Rimini. Pasquinelli, soddisfatto del proprio operato e di quanto fatto finora, afferma di “lasciare al presidente che verrà dopo di lui, cantieri aperti, strutturati e armati”. “La preoccupazione principale dei miei predecessori – ha detto l'ex numero 1 della Fondazione Carim – era stata quella di sostenere attività culturali, assistenziali e di sviluppo economico. Ma appena quattro mesi dopo la mia elezione sono arrivati i commissari e io mi sono ritrovato a fare il banchiere”. Si toglie qualche sassolino dalla scarpa Pasquinelli che pur sapendo che la Carim è stata la prima Cassa di risparmio commissariata in Italia, è convinto che ciò abbia favorito l'istituto. “Carim – ha continuato nell'intervista – è anche l'unica cassa uscita in bonis dall'aumento di capitale. Senza eventi straordinari e ulteriori pulizie dei conti, il 2015 si sarebbe chiuso ampiamente in utile. La banca ora è risanata e in condizioni di grande agio”. Nonostante si sia ripreso, però, l'istituto bancario riminese deve trovare altri 40 milioni di euro per chiudere altri buchi e secondo indiscrezioni, ci sarebbero già imprenditori e soggetti istituzionali pronti a contribuire. 40 sono anche i milioni utilizzati dalla Fondazione, presi dal proprio patrimonio, per “salvare” la banca affinché continuasse ad essere autonoma: 23 sono stati destinati in questi anni all'aumento di capitale e altri 17 sono serviti per finanziare 600 progetti per il territorio, tra cui soprattutto, l'università di Rimini.

Condividi.

Notizie correlate