EMILIA- ROMAGNA: Riordino istituzionale, i lavoratori delle province passeranno alla regione- VIDEO

Al via dall'1 gennaio in Emilia Romagna l'attività dei nove 'Servizi territoriali Agricoltura, caccia e pesca' della Regione. E' uno dei principali effetti della legge di riordino istituzionale in applicazione della riforma delle province, che con l'anno nuovo entra nella sua fase operativa. Su 1.211 lavoratori che in totale con l'inizio del 2016 passeranno dall'organico di Province e città metropolitana di Bologna alla Regione Emilia-Romagna, scrive in una nota l'amministrazione di viale Aldo Moro, 474 interessano, infatti, i settori agricoltura, caccia e pesca. Si tratta tuttavia di personale che continuerà ad esercitare le proprie funzioni professionali localmente, nell'ambito dei nuovi servizi territoriali regionali. Dunque nessun cambiamento di sede per gli ormai ex dipendenti provinciali, che continueranno a lavorare negli uffici che attualmente occupano, e per l'utenza. Ora, è il commento dell'assessore regionale all'Agricoltura caccia e pesca, Simona Caselli, siamo impegnati nell'adattare e migliorare l'efficienza della macchina organizzativa. Stiamo infatti lavorando per l'omogeneizzazione dei procedimenti, lo snellimento delle procedure e l'ottimizzazione dei carichi di lavoro. Mi sento dunque di rassicurare i cittadini, a partire dalle aziende agricole che potranno continuare a contare in loco su interlocutori preparati e competenti, mentre ai nuovi funzionari regionali do il benvenuto e rivolgo un sincero augurio di buon

Condividi.