FORLÌ: Malumori nel PD e c’è chi chiede la “drexit” – VIDEO

A un paio di giorni del risultato referendario nel Regno Unito che ci ha fatto conoscere il termine Brexit, arriva a Forlì un nuovo termine, il Drexit. I movimenti politici dell’amministrazione comunale e il cambio della giunta del sindaco Davide Drei hanno creato scompiglio tanto che il centrodestra forlivese  è arrivato a coniare il neologismo Drexit per chiedere l’uscita dalla scena amministrativa dell’attuale primo cittadino. Per l’opposizione il Drei bis avrebbe messo in evidenza i malumori interni del PD e il cambio dei due assessori non sarebbe rappresentativo di alcun cambio di gestione della Cosa Pubblica.  “Deve dire cosa vuole fare e con chi. Può ancora recuperare, ma devono essere mosse vere, non di tipo democristiano…”  è quanto chiede Roberto Balzani, docente universitario e predecessore di Drei alla guida della città di Forlì. E c’è la Lega Nord  che chiede le lezioni anticipate ed elenca quelli che definisce dei fallimenti di Drei, tra i quali la via Emilia Bis, il nuovo centro storico, la gestione dell’aeroporto e  l’inceneritore.  La sicurezza  poi rappresenterebbe l’esempio di cattiva gestione di Drei, sempre a giudizio del centrodestra che propone l’introduzione del vigilantes volontario della sicurezza come già si può trovare in altre città del Nord Italia.

Condividi.

Notizie correlate