BASKET: Ravenna, l’ultimatum di Vianello, “Senza aiuti sarà l’ultimo anno che ci iscriveremo al campionato” – VIDEO

Alla grande stagione della serie A2 non è mancata di iscriversi neppure l'OraSì Ravenna e già questo è un risultato. Infatti, come sottolineato a più riprese dal presidente dei giallorossi Roberto Vianello, quella bizantina non è certo una società che navighi nell'oro e anche quest'anno si è scelto di partire un po' all'avventura, in attesa che si smuovano un po' le acque sul fronte dell'imprenditoria locale e che qualcuno dia finalmente una mano. Senza compromessi, come accaduto lo scorso anno con la sottoscrizione popolare che garantì a Ravenna la possibilità di perfezionare l'iscrizione: "I fatti sono molto semplici – spiega il patron – questo rischia di essere l'ultimo anno in cui iscrivo Ravenna la campionato se non riceverò adeguate risposte e un aiuto a portare avanti questa società. Chi mi conosce sa bene che le mie non sono parole di facciata ma hanno una motivazione profonda". Da giovedì, intanto partirà la campagna abbonamenti (lo slogan è “OraSì sfida la storia, dobbiamo esserci!”) per una nuova stagione in cui Ravenna non vuole rassegnarsi al ruolo da pura comprimaria: perso il leader, Eugenio Rivali, la squadra di coach Martino ripartirà da un gruppo parzialmente nuovo: "Saranno ancora dei nostri Masciadri e Raschi, è tornato Tambone che almeno non sarà il nostro giustiziere durante le sfide da ex (ride, ndr). Tra gli altri innesti segnalo due giovani molto interessanti, Sgorbati e Sabatini, oltre a Chiumenti. Ora ci mancano un paio di giovani e gli americani, una guardia e un centro. Merce rara soprattuto quest'ultima, rimaniamo alla finestra in attesa di sviluppi".

Condividi.

Notizie correlate