wpid-Wayne-Blackshear.jpg

BASKET: Unieuro, è fatta per Wayne Blackshear

È fatta: l'Unieuro Forlì ha raggiunto un accordo con Wayne Blackshear valido per la prossima stagione. Americano nativo di Chicago (11 febbraio 1992), 1.98 per un peso forma di 98 kg, Blackshear gioca principalmente nel ruolo di numero “3”, ma con una duttilità che gli consente di muoversi anche nelle posizioni circostanti. Incarna, insomma, il “tipo di giocatore” di cui l’entourage biancorosso era alla ricerca.
Blackshear arriva in Romagna con credenziali intriganti: nei suoi 4 anni di college basketball, nella prestigiosa università di Louisville, 4 volte su 4 i “Cardinals” sono stati nelle prime 16 squadre Ncaa, 2 volte sono giunti alla Final Four, conquistando il titolo Ncaa nel 2013 (solo 3 anni fa, per Blackshear 8+3 in 20′ di utilizzo). Prima del quadriennio di Louisville (concluso nel 2015 con un’ultima stagione a 12+4 di media), Blackshear era stato protagonista di una scintillante carriera spesso a “quota” 30 in High School, con la maglia dell’istituto Morgan Park, nella “sua” Chicago. I 4 anni a Louisville, carichi di duri allenamenti a cura del mostro sacro Rick Pitino, hanno inciso sullo stile di gioco di Blackshear, frenandone l’esuberanza nelle scelte e rendendolo un giocatore maggiormente di sistema.
Blackshear ha giocato la scorsa stagione 31 partite con la maglia di Pistoia in Serie A, a 10+3 di media, nei 23′ che gli concedeva coach Esposito: numeri che – al netto di alcuni fastidiosi infortuni (uno al polso) – hanno reso positiva ma migliorabile la sua prima esperienza europea, cui è seguita una Summer League appena giocata – e piuttosto bene – con Charlotte.
Nonostante l’ingaggio di Blackshear giunga abbondantemente in coda alla costruzione del roster della Pallacanestro 2.015, da settimane completo per 9/10, il giocatore è da definirsi in tutto e per tutto una “prima scelta” per l’Unieuro. E’ stato infatti tra i primi 3/4 profili valutati da coach Garelli e dal ds Giroldi: da metà luglio un’offerta forlivese giaceva sulla scrivania del suo agente.

Condividi.

Notizie correlate