Calcio a 5 Rimini

CALCIO A 5: Rimini ondivago, con l’Aposa finisce sul 4-4

Il 4-4 al Flaminio contro l’Aposa lascia sentimenti contrastanti. Se si pensa al ribaltone, al doppio vantaggio e alle numerose occasioni sciupate (clamorosi i due tiri liberi falliti sul 4-3) e gli ennesimi regali, ovviamente sale la rabbia. Se si pensa che alla fine si è rischiata pure la beffa e che la classifica è stata leggermente mossa tenendo dietro (a -2) una concorrente diretta, allora viene da guardare il bicchiere mezzo pieno. Anche perché l’ennesima sconfitta sarebbe stata devastante per il morale. L’altro scontro infuocato, quello tra Ravenna e Forlì, ha visto sorridere i giallorossi (5-3), che dunque hanno agganciato il Rimini. Almeno i ragazzi di Germondari rosicchiano un punticino ai biancorossi, che sono ultimi e domenica attendono proprio Carta e compagni. Insomma, c’è tanta carne al fuoco, ma i play-out al momento sono pù vicini. Dal campo arriva l’ennesima conferma, il bisogno vitale di un giocatore come Moroni, autore di una tripletta e autentico trascinatore anche contro l’Aposa. Purtroppo il lavoro è lavoro, ma quando c’è lui in campo si vede.
I neroverdi passano in vantaggio all’11’ con Aicardi che sfrutta un rimpallo su rinvio di Belloni e fulmina Ciappini. La reazione del Rimini è immediata ma Faedi spreca un 3 vs 1, poco più tardi capitan Carta mette in mezzo la sfera ma nessuno la devia in rete. In avvio di ripresa Germondari (in panchina viene sostituito da Traviglia) mette nella mischia Tesoro (esordio con la prima squadra per il giovane portiere classe ’99) e inizia l’exploit di Moroni che al 2′ pareggia i conti con un’invenzione personale. L’Aposa però non ci sta e all’8′ firma il bis con Do Nascimento. Il pari del Rimini è quasi imminente e arriva con il solito Moroni che incanta la scena con uno dei suoi gioielli Al 15′ i biancorossi tornano in avanti con Pasqualini che la piazza sotto la traversa da corner. Gli ospiti al 18′ colpiscono il palo con Aicardi, un minuto più tardi invece la “pulce” Moroni è scatenato e scarta pure il portiere per il 4-2. I padroni di casa hanno due chances clamorose per chiuderla con Pasqualini e Carta che sbagliano nel giro di due minuti i rispettivi tiri liberi. La legge del gol sbagliato gol subìto è implacabile e l’Aposa, con il portiere in movimento, impatta clamorosamente sul 4-4 con Fadiga. Finita? Neanche per sogno. Moroni al 28′ si divora il 5-4 (è umano anche lui) e nel recupero gli ospiti falliscono il gol del blitz. Sarebbe stato troppo.

Il tabellino di Rimini-Aposa 4-4
RIMINI: Ciappini, Barducci, Belloni, Faedi, Moroni, Gasperoni, Toscano, Carta, Tesoro, Muratori, Tarantini, Pasqualini. All.: Traviglia (Germondari squalificato)
APOSA: Cerulli, Fadiga, Mazzitello, Do Nascimento, Righi, Fontana, Guio, Marchi, Toschi, Maltinti, Aicardi, Fantini. All.: Milani
ARBITRI: Matera di Forlì e Loreti di Imola
RETI: 11′ pt Aicardi, 2′ st Moroni, 8′ st Do Nascimento, 12′ st Moroni, 15′ st Pasqualini, 19′ st Moroni, 20′ st Marchi, 27′ st Fadiga

Condividi.