Rimini foto salvezza

CALCIO A 5: Sontuoso Rimini: travolge Ravenna sull’8-2 e festeggia la salvezza

Quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare, dice il proverbio. Il Rimini, nella partita più difficile dell’anno, ovvero l’incandescente play-out di Ravenna, riesce in tutto e si aggiudica la sospirata e meritatissima permanenza in C1. Maiuscola la prestazione degli eroi biancorossi, scesi in campo con determinazione, concentrazione, grinta, grande cinismo e chi più ne ha, più ne metta. Poi, quando tutto gira a favore (episodi compresi), allora non ce n’è per nessuno.
Germondari lascia a casa, per scelta tecnica, i sammarinesi Pasqualini, Belloni e Barducci, mentre può contare sull’amuleto Moroni. Il quintetto iniziale è composto da Ciappini, Carta, Toscano, Marinelli e Moroni. La posta in palio è elevatissima, la tensione si taglia a fette, ma la partita si mette subito in discesa: al 2′ Marinelli calcia una punizione dalla distanza, Maroncelli viene messo fuori causa e regala al Rimini il vantaggio. All’8′ Moroni si conferma bestia nera dei giallorossi e di destro la infila di giustezza nell’angolino. La reazione ravennate, con il temibile Varietà, si stampa sulla traversa (15′). Poco più tardi, Ercolani compie la prima meraviglia di giornata salvando sulla riga un’offensiva dei locali. Al 19′, Patruno gira nell’angolino un diagonale beffardo: 1-2. Il Rimini ha la forza di non crollare, Faedi sventa un pericolosissimo cross di Cedrini. I biancorossi sono carichi a mille, non hanno paura, sono genialmente efficaci e al 26′ si scatena la coppia dei sogni Marinelli-Lari. Al 26′ proprio i due gioiellini duettano alla perfezione con degli scambi micidiali: Marinelli, tutto solo davanti a Maroncelli, non deve fare altro che infilare in rete. Un minuto più tardi il laterale ex Real Miramare recupera la sfera nei pressi del centrocampo, si invola come un razzo e segna il 4-1. Lasciare spazio a due giocatori del genere è deleterio e al 30′ Lari confeziona l’ennesimo assist per Marinelli che chiude la prima frazione sul 5-1.
In avvio di ripresa il Ravenna prova a guadagnare metri e al 6′ accorcia le distanze con il diagonale di Cedrini. I giallorossi devono recuperare e insistono, ma Ciappini sventa da maestro su Varietà. Questo Rimini è in stato di grazia e al 13′ prende il largo con Lari che intercetta un appoggio in orizzontale, si presenta davanti a Maroncelli e col sinistro morbido insacca. Al 24′, quando la festa inizia a materializzarsi, Germondari, come da azzeccata e coraggiosa mission societaria, lascia in campo quattro Juniores contemporaneamente (Vitali, Ercolani, Lari, Marinelli) oltre al portiere Ciappini. Il Ravenna, spaesato e tramortito, non sa come risollevarsi e così mister Rumore prova la carta del portiere in movimento. Nel finale lanciato nella mischia anche Gasperoni, gli spazi aumentano ed Ercolani si scopre goleador siglando la doppietta personale, grazie anche alla porta vuota.
Il Rimini sale sull’ottovolante e inizia i festeggiamenti di una salvezza meritatissima dopo un cammino irto di insidie. Questo Rimini è eterno e oggi, dopo aver vinto la vera battaglia, può finalmente godere per la salvezza.

Il tabellino di Ravenna-Rimini 2-8

FUTSAL RAVENNA: Maroncelli, Malecore, Cedrini, Migliori, Canducci, Varietà, Lucchese, Patruno, Sampaoli, Kertusha, Brighi. All.: Rumore
RIMINI: Ciappini, Faedi, Gasperoni, Moroni, Toscano, Carta, Marani, Galasso, Ercolani, Vitali, Marinelli, Lari. All.: Germondari
ARBITRI: Cursio di Cesena e Pavone di Forlì
RETI: 2′ pt Marinelli, 8′ pt Moroni, 19′ pt Patruno, 26′ pt, 27′, 30′ pt Marinelli, 6′ st Cedrini, 13′ st Lari, 22′ st, 30′ st Ercolani

Condividi.

Notizie correlate