wpid-oscar-brevi.jpg

CALCIO: Brevi: “Ad Arezzo ci aspetta un’altra battaglia”

Torna in campo il Rimini: quella di domani sera (ore 20.30) sarà una trasferta difficile, sul campo di un Arezzo reduce dai pareggi contro Spal e Maceratese, rispettivamente prima e seconda forza del torneo: "Ci aspetta una battaglia – conferma il mister biancorosso Oscar Brevi – la pioggia dovrebbe rendere ancora più pesante il campo. Sappiamo che ad Arezzo ci attenderà un avversario ostico, che sa come chiudersi e ripartire: le squadre di Capuano sono sempre difficili da affrontare perchè sono maestre nell'arte di occupare bene tutti gli spazi". Per ora Brevi sembra orientato a confermare il consolidato 4-4-2 con Torelli ed Esposito a dettare i tempi del centrocampo, Bariti e Lisi sugli esterni e in attacco la coppia Polidori e Ragatzu. Della Rocca è ko e non sarà della partita: "La lunga sosta invernale è sempre un'incognita, il gruppo rischia sempre di perdere il ritmo ed i punti di riferimento. A parer mio, comunque, la squadra ha lavorato bene ed è in buona condizione. Di Maio? Non è un mistero, potrebbe essere ceduto a breve. In realtà, per me, fin quando un giocatore è del Rimini lo ritengo a disposizione, il professionista deve sempre dare il massimo per la nostra maglia. In questo momento gli manca la giusta serenità, è questo il motivo per cui non è convocato". Quella di Arezzo sarà la prima del Rimini senza Adrian Ricchiuti: "Su Adrian è stato già detto tutto, fa parte della storia del Rimini. La scelta è stata sua ed è stata chiara. Lo ringrazio perchè si è sempre comportato da professionista nei due mesi e mezzo in cui abbiamo lavorato assieme. Per lui come per tutti vale il solito discorso: a Rimini deve rimanere soltanto chi non ha alcuna remora". Il mercato terrà banco per tutto il mese di gennaio anche in casa biancorossa: "Sono andati via due centrocampisti (l'ultimo è Niccolò Gali, accasatosi al Renate, ndr) , qualcuno dovrà necessariamente arrivare. In attacco siamo maggiormente coperti ma non è detto che non arrivi nessuno nel caso di un'ulteriore cessione. Vedremo…".

Condividi.

Notizie correlate