wpid-cesenaticensi-a-Leicester-macchinata-ingorante-calciatori-brutti-2016.jpg

CALCIO: Dalla Romagna a Leicester per festeggiare l’impresa eroica di Ranieri

1500km e non sentirli affatto. La spedizione italiana che ha voluto partecipare ai festeggiamenti del Leicester Campione d'Inghilterra ha raccolto migliaia di adesioni. Il viaggio organizzato dal portale internet Calciatori Brutti ribattezzato con l'hashtag #macchinataignorante, ha radunato tantissimi tifosi di tutta la penisola. La partenza fissata da Milano, via Francia, ha portato il torpedone composto da pullman e auto private nella cittadina più in voga del momento nel Regno Unito, dopo il miracolo sportivo compiuto dalla truppa allenata da Claudio Ranieri. Nella spedizione non sono mancati esponenti della Romagna: da Rimini è partito un pullman pieno di ragazzi e da Ravenna addirittura c'è chi ha intrapreso il proprio viaggio con auto propria. Hanno scelto l'aereo da Bologna sette ragazzi cesenaticensi come mezzo di trasporto. E' stato facile riconoscere (nella foto, ndr) Michele Molari, Nicola Mughetti, Matteo Zoffoli, Luca Delvecchio, Donatello Pattocchio, Marco Solazzi e Matteo Comandini: con le maglie di Schelotto, Cascione, Gomis, Volta e Succi hanno sfilato per l'Inghilterra sotto la bandiera della Regione Romagna. Non finisce qui la bella favola perchè c'era anche il cesenate Tommaso Pacchioni, ora residente a Londra, a festeggiare con le Foxes. "È stata una grande festa – spiega -, una cosa mai capitata prima, nata per scherzo sui social e poi divenuta realtà. Un pazzia di gioventù, forse, che mai più si ripeterà". Dopo il ritrovo a Victoria Park, il corteo ha quindi assistito nei pub adiacenti allo stadio King Power alla gara con l'Everton. "È stata una festa incredibile, una cosa mai vista prima. I residenti erano commossi da questa nostra presenza – conclude -, considerando che il Leicester non ha mai avuto una forte tradizione calcistica nella storia". Al triplice fischio è quindi partita la festa che sicuramente sarà raccontata come leggenda dai protagonisti ai nipotini tra 40 anni e più.

Condividi.

Notizie correlate