Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
CALCIO: È sfida da "si salvi chi può" tra Ravenna e Modena
sport

CALCIO: È sfida da "si salvi chi può" tra Ravenna e Modena

  • Di:
  • 272 visualizzazioni

La peggior difesa del girone (10 reti incassate in 4 partite: peggio solo nella C2 ‘85/86 con 15 reti subite ma in campo scendeva la Berretti) contro il peggior attacco del girone e di tutta la C (1 gol all’attivo in 4 turni). La sfida del Ravenna contro il Modena (questa sera, alle ore 20.45, nell’anticipo della quinta giornata per la diretta di Sportitalia: direzione di gara affidata a Vincenzo Fiorini di Frosinone, assistito da Gualtieri di Asti e Massimino di Cuneo), un derby regionale che ritorna dopo nove stagioni (l’ultimo fu in B nel 2007/08) è legata anche a questo aspetto statistico, che inquadra le difficoltà del momento delle due squadre. “Nelle ultime tre partite abbiamo oggettivamente subito troppi gol – non nasconde l’evidenza mister Antonioli - e in settimana abbiamo lavorato moltissimo sulla fase difensiva per ritrovare quella solidità di gruppo che è stata un nostro punto di forza nella scorsa stagione e nell’avvio di questa. Abbiamo bisogno di ritrovare serenità e risultati, cose che si ottengono solo lavorando, senza risparmiarsi”. 
I giallorossi stanno ripetendo lo stesso avvio della serie D di due anni fa: dopo un successo e tre ko, alla quinta arrivò uno 0-0 casalingo con l’Imolese. Questa sera, però, servirebbero i tre punti, anche per ridare slancio e fiato alle convinzioni e alle motivazioni di una squadra che finora, in realtà, ha steccato una sola gara e raccolto meno di quello che meritava. “Veniamo da tre sconfitte di fila e non possiamo essere in fiducia – ammette l’allenatore giallorosso - e quando non si fanno punti si perde in sicurezza e il pallone diventa più pesante. Affrontiamo una squadra messa peggio di noi, che ha bisogno di fare punti, che deve invertire la tendenza ma che comunque ha fornito buone prestazioni e annovera comunque nel suo organico giocatori di qualità e di categoria, assolutamente importanti. Però siamo consapevoli che, a parte con la Triestina, abbiamo fornito prestazioni valide e ci è dispiaciuto tornare a casa dalle due trasferte senza punti all’attivo. Ci vorranno tante sangue freddo e tanta accortezza, non dobbiamo farci prendere dalla frenesia di fare gol rischiando di prenderlo. Il modello di gara a cui dobbiamo fare riferimento è quello con la Fermana. E chiedo aiuto al nostro pubblico: per questa partita diventa fondamentale. Chiedo ai tifosi di sostenere, come hanno sempre fatto finora, i ragazzi che sono convinto metteranno in campo tutto quello che hanno”.
Le ultime dal campo Dopo la rifinitura di ieri pomeriggio, rientrano dai rispettivi infortuni Lucarini e Severini, in ripresa Erik Ballardini; mister Antonioli deve fare i conti con le assenze di Broso, Capitanio (dopo la squalifica, lo ferma un risentimento muscolare), e Tabacchi.