wpid11608-wpid-riviera.jpg

CALCIO FEMMINILE: La Romagna in rosa ad un passo dalla doppia impresa

L’orgoglio di aver spaventato la prima della classe in inferiorità numerica da una parte, il rammarico di aver regalato troppo alla terza della classe in una sfida che avrebbe regalato punti importanti nella corsa salvezza.

È un fine settimana dalle tinte contrastanti quello che la Serie A ha regalato alle ragazze romagnole impegnate nella diciassettesima giornata di campionato, tornato nel vivo per la volata finale dopo la lunga sosta per nazionale e coppa.

A Cervia le ragazze di mister Nevio Valdifiori regalano un tempo abbondante ad un Verona rimaneggiato. Assenze pensanti tra le scaligere che devono rinunciare all’autentica bestia nera romagnola come Melania Gabbiadini, sette reti nelle nove partite in cui le squadre si sono trovate di fronte. Partita stregata per il Riviera, che dopo essere andata in svantaggio ha subito le due reti proprio immediatamente dopo essere andata vicino a segnare. Nel finale, però, una super Fabiana Colasuonno con due gol d’antologia ha accorciato le distanze. Peccato, perché il Riviera visto nel secondo tempo avrebbe senz’altro meritato di portare a casa dei punti, mentre il pesante passivo dimostra ancora una volta quanto sappia essere micidiale in avanti la squadra di Renato Longega.

Ha rischiato di combinarla grossa anche il San Zaccaria in chiave campionato. Le biancorosse di Marinella Piolanti sono state tra le prime ad andare a segno in questa ripresa del campionato grazie a Galletti, che al 17’ ha portato in vantaggio le romagnole di fatto riaprendo le cose in campionato. L’episodio chiave alla mezz’ora del primo tempo, quando per il direttore di gara la portiere Tampieri in uscita sulla tre quarti ha interrotto una chiara occasione da rete, con il San Zaccaria costretto a giocare in dieci. Quasi immediato il ribaltone bianco azzurro che nel giro di dieci minuti ha visto passare le ragazze di Milena Bertolini sul 3-1. Giochi fatti? Nemmeno a dirlo, specialmente quando di fronte c’è il San Zaccaria, che anche in dieci ha costretto il portiere Caesar ha salvare il risultato in più di una occasione, accorciando le distanze con Principi, ma senza riuscire a fare il colpaccio al termine di una prestazione comunque incoraggiante in vista della sfida di sabato con la Fiorentina al Massimo Soprani.

 

Daniele Pompignoli

Condividi.

Notizie correlate