Femminile Rimini

CALCIO FEMMINILE: Qualche cerotto di troppo per Rimini alla vigilia della sfida col Pievecella

La trasferta di Pesaro ha lasciato soltanto dolori ed effetti collaterali per la Femminile Rimini. Infatti oltre al 3-0 sul campo, mister Zeno Lisi deve fare i conti con una infermeria che si è riempita. Sfumato il sogno di riaprire il campionato dopo l’eliminazione in coppa, ora resta in piedi l’ultimo obiettivo stagionale, ovvero il secondo posto che potrebbe essere un ottimo biglietto da visita per il ripescaggio in serie C. La Femminile Rimini questa sera (ore 18, ingresso libero) ospita tre le mura amiche la Pievecella e si tratta di uno scontro diretto da non fallire. Finora al “Romeo Neri” il percorso è stato netto: 1-0 al Maranello, 2-0 al Nubilaria (coppa) e 2-0 allo United, quindi ci sono ottime ragioni per sperare nell’aiuto dell’alleato in una serata che si preannuncia difficile e di tremenda importanza per la stagione biancorossa. Infatti, come si diceva in avvio, l’infermeria si è riempita con gli acciacchi, trascinati dalla battaglia di Pesaro, di Chiara Protti, Elena Tramonti e Francesca Montagna, che verranno valutate fino all’ultimo ma sarà difficile averle a disposizione. A queste assenze, si aggiungono le indisponibilità di Sarah Parri e Valentina Benagli. Non solo dolori però, ma anche liete notizie, ovvero il ritorno di Samanta Mughetti e il recupero di Elisa Melosu, che dunque stringerà i denti dopo essere uscita malconcia da Pesaro. “Vincere il campionato sarebbe stato un obiettivo abbastanza aleatorio perché abbiamo lasciato troppi punti per strada – le parole di mister Lisi – certo finché la matematica non condanna bisogna sempre provarci. Cosa prendo di buono dalla sconfitta? Sinceramente la partita è stata brutta in un campo pessimo, ma è una gara a sé, molto sentita e quello che rimane purtroppo sono solo le infortunate. Adesso bisogna solamente voltare pagina e puntare al secondo posto, che è alla nostra portata”.
All’andata un pareggio molto combattuto: al vantaggio di Cerioni replicò Punzi al ’93, che bisognerà marcare stretta, visto che è il capocannoniere del girone con 16 reti. “Mi ricordo una partita non esaltante, purtroppo ci siamo chiuse troppo in un campo piccolo e così le avversarie hanno trovato il pari nel recupero. Il Pievecella è una squadra che corre molto e gioca bene la sfera, non sarà facile, dovremo essere brave anche a non lasciare spazio al loro bomber. La nostra volontà è quella di vincere, queste numerose assenze potrebbero costringermi però a ridisegnare la squadra”.

Condividi.

Notizie correlate