rimini alessia morelli

CALCIO FEMMINILE: Rimini, una vittoria con le unghie e con i denti contro il Pgs Smile

Non si può sempre splendere. A volte i successi passano anche attraverso la sofferenza, quando tutto sembra irrisolvibile e allora serve un’invenzione. E’ quanto successo alla Femminile Rimini, che dopo due ko di fila ritrova il sorriso proprio contro il Pgs Smile. Squadra ostica quella modenese, con un calcio molto lineare e ottimo giro palla, impreziosita da una velocità scorbutica sulle fasce. Le biancorosse, in emergenza per le assenze annunciate di Melosu (in panchina a sostenere le compagne) e Chiara Protti (a urlare dalla tribuna) a centrocampo, sono state ridisegnate ancora una volta da Zeno Lisi con l’inedito 4-1-4-1: Villucci tra i pali, Ester Protti libero, tre centrali difensive con Benagli, Siesto e Parri; Tramonti in cabina di regia, centrocampo folto con Lazzaretti (avanzata rispetto al suo ruolo abituale), Mughetti (spostata dal centro difesa alla zona nevralgica), capitan Morelli e Fiumana; unica punta May. La partenza non è delle migliori, forse le ragazze accusano il momento poco entusiasmante, le assenze e l’assestamento con il cambio modulo, quindi è il Pgs ha creare i primi pericolo con Burgio. Al 10′ insistono le modenesi con la conclusione da fuori di Martinelli ma Villucci è attenta. La reazione della Femminile Rimini, davvero sottotono rispetto alle precedenti uscite al Neri, è sulla testa di Fiumana, ma la sua conclusione è uno zuccherino per Incerti. Al 37′ è di nuovo il turno del Pgs con la scatenata Nizzoli, ma Villucci non ne vuole sapere di regali e chiude la porta a doppia mandata. In avvio di ripresa, non cambia nulla negli interpreti, tra l’altro nella Femminile da annotare la presenza in panchina della nuova arrivata Cristina Melchionna, attaccante classe ’91 tesserata venerdì sera e subito convocata per conoscere i meccanismi della squadra e fare gruppo. Quando la gara è poco entusiasmante, serve un guizzo per sbloccarla: al 54′ Morelli carica il destro ma la sua punizione colpisce il legno. Al 68′ però la musica cambia e il destro velenoso della solita Morelli coglie  l’estremo difensore ospite Incerti di nome e di fatto: 1-0 e quinto gol stagionale per il capitano tra le proteste delle modenesi per il fallo iniziale fischiato a Ternelli (espulso nell’occasione mister Tagliazucchi). La Femminile, invece di prendere coraggio, inizia ad andare nel pallone e a rintanarsi dietro, così il Pgs aumenta la pressione e al 78′ Villucci deve volare per negare a Vecchi la gioia del gol. Le biancorosse soffrono e tirano un sospiro di sollievo a due minuti dal termine quando le chances di Rambaldi (diagonale) e Nizzoli (bordata dal limite) nella stessa azione non inquadrano lo specchio. Termina 1-0 col brivido. Le biancorosse confermano l’andamento perfetto al Neri con quattro vittorie in altrettante partite disputate. Come dice lo storico inno “Rimini vai” della squadra maschile, “al Neri non si passa, la porta è stregata”. Ora pausa pasquale, prossima partita il 3 aprile contro la Poggese.
Il flash del mister. Può sorridere il mister Zeno Lisi per il ritorno alla vittoria. “Contavano i tre punti, sapevo che saremmo andate in difficoltà a centrocampo, non è stata una bellissima partita e qualche ragazza ha giocato anche fuori ruolo. Probabilmente in altre gare avremmo meritato qualcosa in più e non abbiamo raccolto nulla, contro il Pgs smile siamo riuscite a conquistare il bottino pieno e va benissimo così”.

Condividi.

Notizie correlate