CALCIO: Il Ravenna si congeda con un pareggio, 1-1 con la Ribelle – VIDEO

Il Ravenna si congeda dal campionato di Serie D con un pareggio casalingo per 1-1 nel derby con la Ribelle, che gli permette di chiudere al 13° posto, in coabitazione con il Romagna Centro, dopo aver messo in ghiaccio la salvezza nel turno precedente. A sbloccare la situazione, nel finale, i gol dei due n.19 entrati poco prima: Battiloro da una parte e Bernacci dall’altra che partecipano così alla ricca fiera del gol andata in scena nell’ultimo turno di campionato. Recrimina di più la Ribelle, che con questo pareggio interrompe una striscia di tre sconfitte di fila e mantiene l’imbattibilità nelle sfide di campionato con i giallorossi, per via dei tre legni colpiti nel corso del match. Al 7’ destro al volo di Rodriguez e traversa piena. Al 40’ tiro a giro di Bajrami dal limite: Iglio è battuto ma la palla finisce all’incrocio tra palo e traversa. Al 40’ della ripresa, Bernacci va al tiro da due passi, Iglio ha il riflesso giusto per respingere di piede, Fabbri raccoglie e a porta spalancata spara sulla traversa. Il Ravenna, pericoloso nel primo tempo al 20’ con una bordata di Caidi che scalda i pugni di Calderoni, cresce nel corso del match e ha le opportunità migliori nella seconda frazione. Al 14’ Ambrogetti sfonda sulla destra e serve un delizioso assist a Ballardini che da comoda posizione alza la mira; al 30’ grande giocata sull’asse Ballardini-Battiloro e il cross del primo raggiunge De Vecchis, anticipato con tempismo da Calderoni; al 38’ ancora Ballardini di forza e potenza sull’out sinistro e pallone goloso in mezzo sul quale Innocenti non riesce ad arrivare. Al 42’ il gol che sblocca la gara: Leonardo disegna una bella traiettoria per De Vecchis che si inventa la torre per Battiloro, la cui gran girata non dà scampo a Calderoni. E’ il secondo centro stagionale di Battiloro. La gioia del Ravenna dura poco: al 44’ il cross di Bajrami incoccia in area nel gomito dell’autore del gol giallorosso. L’arbitro accorda il rigore che Bernacci realizza con un tiro a mezz’altezza, fissando il risultato sull’1-1. Poi tutto il Ravenna sotto la curva Mero a raccogliere i meritati applausi e cori dei suoi tifosi per una salvezza raggiunta con grandi sforzi e pieno merito.
“Ci tenevamo a chiudere con una vittoria – spiega Andrea Mosconi a fine gara – e dispiace per quel rigore preso a pochi minuti dalla fine, ma resta il valore e l’importanza della salvezza raggiunta: e questo era l’obiettivo. Non era facile nè così scontato. Eravamo una neopromossa e questo era uno dei gironi più duri e complicati. Il giudizio su questa annata non può che essere positivo. Adesso c’è tutto il tempo per programmare il futuro, per provare ad alzare lo step e creare una squadra ancora più gagliarda, aggressiva ed entusiasta. Con la società parlo quotidianamente; ci troveremo presto per discutere obiettivi e programmi. Vedremo in quel frangente se ci sono i presupposti per continuare insieme”.

Il tabellino di Ravenna-Ribelle 1-1
RAVENNA (4-3-3): Iglio; Maini, Regno, Antoniacci, Caidi (25’ st Leonardo); Atzori, Magri, Ballardini; Ambrogetti (18’ st Battiloro), Innocenti, Petrascu (18’ st De Vecchis). A disp.: Magnani, Mingozzi, Destani, Mandorlini, Minardi, Derjai. All.: Mosconi.
RIBELLE (4-1-4-1): Calderoni; Erroi, Bamonte, Vona (31’ st Boschetti), Fabbri; Delvecchio (11’ st Graziani); Liberti, Lombardi, Lari, Bajrami; Rodriguez (20’ st Bernacci). A disp.: Lani, Cardellini, Poletti, Petricelli, Mariano, Colonnello. All.: Antonioli.
ARBITRO: Feliciani di Teramo.
RETI: 42’ st Battiloro, 44’ st rig. Bernacci.
NOTE: Ammoniti: Magri, Liberti, Battiloro. Spettatori circa 550. Angoli: 2-6. Recupero: 2’ e 5’

Condividi.

Notizie correlate