Old Meldola

CALCIO: L’Old Meldola sorprende l’Alfonsine ma nessuno ne approfitta. E domenica prossima…

Tutto pare essersi cristalizzato in cima al campionato di Eccellenza: l’Alfonsine mantiene saldamente il primato nelle proprie mani, inseguito a debita distanza sempre dalle solite note, Sampierana a -4, Progresso e Sasso Marconi a seguire a -6. In realtà, però, qualche novità di rilievo l’ultima giornata di campionato l’ha prodotta: in primis, il ritorno ad alta quota del Granamica, corsaro a Sant’Agostino grazie alla remuntada firmata da Mezzetti e da Semprini dal dischetto. Una squadra, quella di Minerbio, che sembra avere tutte le carte in regola per potere infastidire le dirette avversarie, vista l’ormai consolidata abitudine a disputare campionati di vertice maturata negli ultimi anni col triplo salto dalla Seconda Categoria all’Eccellenza. A quota 27, però, c’è anche l’Old Meldola, classica candidata al ruolo di “squadra del destino”: dopo anni e anni di investimenti a fondo perduto, la famiglia Gugnoni sembra aver ritrovato il giusto equilibrio ed una gestione più oculata delle risorse fatte in casa. Risultato: i bidentini hanno trovato sotto la sapiente guida di Mirco Giorgi la quadratura del cerchio, hanno fatto partita pari contro qualunque avversario, che si chiamasse Granamica, Progresso e Massa Lombarda e domenica si sono tolti lo sfizio di violare anche il campo della capolista Alfonsine. Un Alfonsine che domenica andrà proprio a San Piero in Bagno: non si escludono nuovi, clamorosi, colpi di scena…

Condividi.

Notizie correlate