Ravenna-Delta Rovigo

CALCIO: Questa volta niente remuntada per il Ravenna: a Rovigo decide Manuel Pera

Non basta un secondo tempo tutto all’attacco, non basta la superiorità numerica per oltre mezz’ora e neppure il solito atteggiamento spigliato e senza paura anche al cospetto delle grandi squadre: il gol di Pera e la prima partita in trasferta senza reti all’attivo della gestione Mosconi condannano un buon Ravenna, sceso in campo senza Ballardini, Righini e Regno e con Innocenti non al meglio, alla sconfitta sul campo della corazzata Delta, la seconda del 2016.
È il super bomber delle ultime due stagioni a marcare la differenza con un primo tempo di grande impatto: al 2’ sfiora la traversa raccogliendo una rimessa laterale di Busetto; al 10’ prende palla, si cerca lo spazio per il tiro e chiama Magnani alla grande deviazione in angolo. Ma al terzo tentativo fa centro: al 21’ Ricchiuti verticalizza, Pera sfugge ai difensori e, con Magnani in uscita, lo trafigge con un perfido pallonetto. L’ex Rimini ci riprova al 33’, ma sul suo diagonale Magnani è attento e bravo nel salvataggio in angolo. Poi cresce il Ravenna e al 35’ Petrascu trova in area De Vecchis: conclusione nell’angolino ed è decisivo il riflesso di Careri. Un minuto dopo Battiloro va giù in area per una trattenuta di Nigro: il rigore sembra esserci tutto, ma l’arbitro sanziona la simulazione. Il finale di frazione vede il Ravenna in attacco e il Delta costretto a ripiegare, situazione che si ripete anche all’inizio della ripresa. Al 3’ Guagneli cerca l’incrocio con un pallone a spiovere che finisce oltre la traversa. Mosconi si gioca la carta Ambrogetti (fuori Petrascu) con avanzamento di Battiloro in attacco. Di Giovanni rimedia due ammonizioni in pochi minuti e dal 18’ i giallorossi possono usufruire della superiorità numerica. Antonelli, ex giallorosso, si copre togliendo Pera e Ricchiuti, mentre Mosconi dà più forza all’attacco inserendo Innocenti, altro ex di turno. Grande occasione al 30’ con Ambrogetti che sfonda a destra e vede libero dalla parte opposta Radoi servendogli un bel pallone, ma la conclusione, da buona posizione, è sbagliata. Ancora Ambrogetti al 35’ al servizio, questa volta per De Vecchis, il cui colpo di testa a girare è fuori di poco. L’assalto finale produce un destro dal limite di Magri, entrato pochi minuti prima al posto di Del Mastio, che si impenna oltre la traversa e una punizione di Radoi che non trova sponde amiche, all’ultimissimo giro di lancette.
“Non posso essere soddisfatto per il risultato – spiega a fine gara mister Mosconi – lo sono, invece, per la prestazione dei ragazzi, che hanno dato tutto, hanno fatto una buona gara e avrebbero meritato il pareggio. Abbiamo fatto una partita da Ravenna, pur sapendo che avevamo di fronte una grande squadra che sa sfruttare le individualità di cui dispone; e infatti il gol che abbiamo preso è nato proprio dalla giocata di due grandi giocatori. Poi abbiamo creato diverse occasioni importanti. Ci è mancata la precisione e il cinismo per concretizzarle. La mia espulsione? Non ero mai stato espulso, ma non ho detto nulla di irrispettoso nei confronti della terna e di nessuno. Ho solo fatto notare che il Delta stava perdendo tempo”.

Il tabellino di Delta Rovigo-Ravenna 1-0
DELTA ROVIGO (4-4-1-1): Careri; Bustto, Beghin, M’Boup, Bertoldi; Di Giovanni, Nigro, Platone, Mazzolli (45’ st Cinti); Ricchiuti (22’ st Gattoni); Pera (22’ st Baldrocco). A disp.: Cherchi, Marchesano, Pradolin, Staine, Docente. All.: Antonelli
RAVENNA (4-4-2): Magnani; Atzori, Mandorlini, Antonioli, Caidi (24’ st Innocenti); Radoi, Del Mastio (40’ st Magri), Guagneli, Battiloro; De Vecchis, Petrascu (12’ st Ambrogetti). A disp.: Iglio, Maini, Leonardo, Righini, Destani. All.: Mosconi
ARBITRO: Morabito di Acireale
RETI: 21’ pt Pera
NOTE: Espulso al 18’ st Di Giovanni per doppia ammonizione, e al 27’ st allontanato il tecnico Mosconi. Ammoniti: Nigro, Caidi, Battiloro, Careri. Angoli: 5-2. Recupero: 1’ e 5’.

Condividi.

Notizie correlate