wpid-Santarcangelo.jpg

CALCIO: Santarcangelo, la nota lieta si chiama Antonio Romano

Non sono solo le vicende di Dirty Soccer a tenere banco in casa Santarcangelo: la richiesta di 12 punti di penalizzazione è uno spauracchio per i gialloblu così come le possibili squalifiche pluriennali di colonne come Francis Obeng e Marco Guidone ma la realtà del campo continua ad essere ben diversa per i ragazzi di mister Lamberto Zauli. Sabato è infatti arrivata una vittoria di prestigio ai danni della Maceratese che ha dato un po' di respiro alla classifica dei clementini perché, come ci spiega il talentino Antonio Romano "l'ultima partita dell'anno a Pontedera era andata male. Sono soddisfatto della prestazione della squadra: nel primo tempo abbiamo giocato bene, nel secondo è vero che abbiamo sofferto, ma abbiamo saputo soffrire, visto che ci siamo chiusi senza concedere molto agli avversari". Proprio Romano è una delle note più liete dell'ultimo scorcio di campionato del Santarcangelo: il passaggio dalla Primavera del Napoli alla Lega Pro è stato più indolore del previsto: "Vero è però che rispetto alla Primavera le partite pesano di più per me. Come ambiente i miei compagni mi hanno accolto bene, facendomi sentire subito uno di loro. Sono ragazzi fantastici, devo ringraziare loro se non ho avvertito particolare differenza rispetto alla stagione passata". Pochi dubbi sul processo di maturazione di questo ragazzo: "Sono contento perché sto giocando con continuità. Partendo dal presupposto che si può crescere sotto ogni aspetto, devo migliorare nella gestione della palla". Domenica, ore 17.30, inizia il girone di ritorno con la sfida in casa dell'Arezzo: "Abbiamo subito archiviato la vittoria con la Maceratese, adesso pensiamo all'Arezzo. Ci manca continuità di vittorie, stiamo lavorando per trovarla il più presto possibile".

Condividi.

Notizie correlate