wpid-zauli-1024x768.jpg

CALCIO: Santarcangelo, Zauli guarda avanti: “Peccato ma il destino è ancora nelle nostre mani”

“Quando a pochi minuti dalla fine vinci 3-1 e subisci il 3-3 non puoi non essere rammaricato”. Parole come pietre quelle di Lamberto Zauli al termine del match del “Lungobisenzio” dove il Santarcangelo ha subito dal Prato una di quelle rimonte che assomigliano tanto ad un pugno nello stomaco. “A due partite dalla fine avremmo aumentato il nostro vantaggio in maniera eccezionale – prosegue il tecnico clementino – accrescendo le nostre possibilità di salvezza diretta. Alla vigilia va comunque detto che avremmo firmato per il pareggio, che ci permette di tenere il Prato a distanza. Dobbiamo subito archiviare questo 3-3 e ributtarci sul campionato: restiamo fuori dai play-out, sta a noi cogliere questa salvezza”. Un match comunque interpretato al meglio dai gialloblu, nonostante il finale: “Complimenti alla squadra, perché nonostante il gol preso all’inizio ha avuto la personalità e la qualità per costruire la rimonta e vincere la partita. Nella ripresa abbiamo concesso poco, in più quando abbiamo segnato il 3-1 pensavo fosse fatta. Invece c’è stato quel finale rocambolesco dove abbiamo preso due reti. Se pesa questa rimonta subita? Sotto il profilo della classifica il risvolto è evidente, però adesso occorre pensare alla sfida di domenica col Pontedera e cercare di vincerla”. E dire che le ultime prestazioni dei gialloblu erano state alquanto altalenanti… “A Ferrara avevamo offerto un’ottima prova, ma non siamo stati fortunati al cospetto comunque della squadra che ha dominato il girone. Idem contro il Rimini, in cui abbiamo disputato una buona gara, penalizzati oltremodo dal gol iniziale. Dobbiamo essere bravi a vedere il bicchiere mezzo pieno e capire che siamo ancora pienamente in corsa per la permanenza in Lega Pro”.

Condividi.

Notizie correlate