forlì tommaso tentoni

CALCIO: Tentoni Mvp di febbraio per il Forlì, “La sosta arriva nel momento giusto per noi”

Si è tenuta presso la storica ed elegante cornice della Locanda Appennino di Predappio la premiazione di Tommaso Tentoni quale come miglior giocatore del mese di febbraio. La Locanda Appennino, partner dei Galletti da questa stagione sportiva, è nata nel 1958 e negli anni ha cambiato più volte il suo volto. Con la nuova gestione di Jacopo Valli e Riccardo Laghi, che ha consegnato il premio, la Locanda ha saputo rinnovarsi con proposte ricercate e abbinamenti insoliti, senza far mancare i classici piatti della tradizione romagnola. L’obiettivo è quello di far “vivere” la Romagna non solo attraverso i piatti, i vini tipici (la cantina offre più di cento etichette) e i prodotti stagionali, ma anche ricreando l’atmosfera genuina del nostro territorio, in cui lo stare insieme è sempre una occasione di festa.
Tommaso ha mostrato la sua soddisfazione per questo riconoscimento: “Sono molto orgoglioso e contento di averlo ricevuto. A febbraio abbiamo giocato contro grandi squadre, come l’Altovicentino e il Parma, questo è un motivo d’orgoglio in più”.
Nonostante le prestazioni positive del mese scorso, qualche rammarico rimane: “Potevamo portare a casa i tre punti in tutte e tre le partite e il campionato sarebbe svoltato completamente. Solo che per episodi non ci siamo riusciti. La traversa con l’Altovicentino. Il contropiede non finalizzato contro il Parma, il colpo di testa con il Romagna Centro parato dal portiere”.
Il giovane biancorosso è rimasto fuori nelle ultime partite, ma è prossimo al rientro: “Io sto meglio. Ho avuto un’infezione a una ciste che avevo sulla coscia destra. Me l’hanno dovuta incidere. In settimana inizierò la palestra per recuperare il tono muscolare. Dopo Pasqua penso di tornare ad allenarmi con la squadra”.
La sua stagione al Morgagni è stata finora positiva: “Non mi aspettavo una stagione così. Finora sono contento. È il mio primo anno tra i grandi. Ero un po’ intimorito da questa nuova realtà, perché il settore giovanile è un’altra cosa.  Invece grazie ai compagni e allo staff sta andando bene e spero che possa concludersi positivamente”.
“Sono migliorato a livello mentale – racconta – perché qua i punti contano molto di più rispetto a un settore giovanile. Sono cresciuto sotto l’aspetto tattico, perché sto imparando a fare più ruoli. Infine tecnicamente, perché  non si smette mai di imparare”.
Il Forlì è reduce da due sconfitte, l’ultima domenica scorsa contro il Lentigione: “Non c’ero, però mi hanno raccontato che siamo stati sfortunati: pali, traverse, rigori non dati. Gli avversari fanno un tiro e segnano. Secondo me sono solo episodi che nel calcio ci stanno. Noi stiamo bene, fisicamente e mentalmente. La sosta arriva al momento giusto, servirà per invertire questo trend negativo”.

Condividi.

Notizie correlate