CALCIO: Vecchi pregi per il Santarcangelo, vecchi vizi per il Forlì – VIDEO

La differenza tra una squadra scafata ed entusiasta come il Santarcangelo ed una impacciata e ancora convalescente come il Forlì sta tutta in quella manciata di episodi che hanno segnato in maniera decisiva le sfide dell'ultimo turno di campionato: si veda, al riguardo, il rigore concesso al Gubbio in maniera troppo avventata dall'arbitro D'Ascanio di Ancona, proprio al termine dei primi 45 minuti di gioco sul contatto tra Capellupo e Valagussa. Dal dischetto Casiraghi è perfetto e il Forlì va sotto immeritatamente, visto il grande equilibrio tra le due squadre prima ma anche dopo la segnatura eugubina. Biancorossi però poco pungenti in attacco, come nell'ultimissima occasione, sprecata da Ricci per un attimo di titubanza di troppo. Il Santarcangelo, invece, sa vincere e anche convincere, sfiorando l'eurogol dell'anno con Danza, trovando la rete spettacolare grazie allo stacco imperioso di Sirignano su corner di Dalla Bona e difendendosi con le unghie e con i denti dal ritorno del Lumezzane. Nel finale arriva anche la zampata di Merini sul cross di Posocco: i gialloblu continuano a viaggiare in business class.

Condividi.

Notizie correlate