Foto podio A1 femminile

GINNASTICA: La grande kermesse del 105 Stadium si chiude col trionfo di Brixia Brescia e Virtus Pasqualetti

Gran finale nel pomeriggio con la serie A1 nel campionato italiano di ginnastica al 105 Stadium di Rimini. Il titolo più prestigioso, nella massima serie tricolore, se lo portano a casa Brixia Brescia nel femminile ed i marchigiani della Virtus Pasqualetti nel maschile.
Partono forte, dopo il primo attrezzo, Virtus Pasqualetti di Macerata nel maschile davanti a Libertas Vercelli e Nardi Juventus, Brixia Brescia davanti ad Artistica 81 Trieste e Ginnastica Lissonese nel femminile. Nella seconda serie la differenza, per la Gal Lissone, la fa Carlotta Ferlito con un ottimo esercizio al corpo libero, emulata dalla brillante compagna di squadra Elisa Meneghini, Brixia rimane al comando, ma la Lissonese scavalca Trieste al 2° posto. Nel maschile passa al comando Civitavecchia davanti a Vercelli e Pasqualetti, classifica che viene rivoluzionata dopo la terza rotazione, con i piemontesi che scavalcano i laziali, mentre al 3° posto sale il Corpo Libero Gymnastics Team. Cambia tutto dopo la quarta rotazione nel maschile: 1° Virtus Pasqualetti, 2° Corpo Libero Gymnastics, 3° Vercelli. Nel femminile situazione cristallizzata. La classifica prima dell’ultima routine propone sempre i marchigiani della Virtus Pasqualetti al comando nel maschile, con l’inserimento di una delle favorite, il Pro Carate, al 3° posto, mentre nel femminile la Ginnica Giglio scavalca al 3° posto Trieste. Il rush finale premia nel maschile la squadra leader dall’inizio alla fine, la Virtus Pasqualetti (210.650), davanti ad un Pro Carate in rimonta (206.55), 3° Corpo Libero Gymnastics Team (205.300). Nel femminile successo del Brixia (142.150), 2° Ginnastica Artistica Lissonese (139.450), 3° Ginnica Giglio (134.950). Nel trampolino elastico vittoria di Alessandro Lucarelli (Alma Juventus Fano), 2° Stefano Luciani (Alma Juventus Fano), 3° Jordi Valle (Sg Torino). Nel femminile 1° Costanza Michelini (Alma Juventus), 2° Francesca Odasso (Sg Torino). La cerimonia di premiazione è stata presenziata dall’assessore allo sport del Comune di Rimini, Gianluca Brasini, dai consiglieri federali Pierluigi Miranda e Gherardo Tecchi, dal vicepresidente vicario Valter Peroni e dal responsabile di Esatour Sport Event, Marco Cadeddu.
In mattinata è andata in scena la serie A2 che ha visto l’affermazione di Spes Mestre nel maschile e Sport Bollate nel femminile. Dopo il secondo attrezzo guida nel femminile Robur et Vis, 2° Juventus Nova Melzo 1960, 3° Ginnastica Romana. Nel maschile subito in eveidenza la Spes Mestre, davanti a Ginnastica Ferrara ed Eur Roma. Tifo molto caldo sugli spalti per le due formazioni di casa, Polisportiva Celle, ma anche per la Biancoverde Imola. Nella terza rotazione in bella evidenza al corpo libero Aurora Maria Cocco, capitana della Polisportiva Celle, Alice Bracci e Jessica Dini, con tre esibizioni che hanno fatto guadagnare qualche posizione alla formazione riminese. Alla 3° routine non cambia nulla nelle prime tre posizioni della classifica maschile, nel femminile passa a condurre la Ginnastica Sampietrina davanti a Sport Bollate e Gymnastics Team, la Polisportiva Celle risale al 10° posto, una gradino davanti al Biancoverde Imola. Prima dell’ultima serie la classifica maschile vede al comando Spes Mestre, davanti a Ginnastica Ferrara e La Costanza Andrea Massucchi (Mortara, Pavia), nel femminile conduce Robur et Vis, davanti a Juventus Nova Melzo e Ginnastica Romana, con la Polisportiva Celle che risale ad un lusinghiero 7° posto grazie alle ottime prove al corpo libero della capitana Aurora Maria Cocco, Jessica Dini ed Alice Bracci, che con Chiara Bezzi, Valeria Fabiani ed Alessia Guerrini componeva il gruppo delle sei titolari. Alla fine la spunta la Spes Mestre nel maschile con 202.450 punti, davanti a La Costanza Massucchi (197.150) e Ferrara (196.900), nel femminile, con un guizzo finale Sport Bollate (128.550) si mette alle spalle Ginnastica Sampietrina (126.050) e Robur et Virtus (123.500). Le due formazioni romagnole impegnate nel femminile, chiudono al 10° posto la Polisportiva Celle, neopromossa in categoria (118.900), appena un gradino sopra all’Ag Biancoverde Imola (118.700).
Buona l’affluenza nel palazzetto dello sport di Rimini ed ottimo il bilancio della manifestazione tricolore organizzata da Esatour Sport Events e dalla Federazione Ginnastica.
Facciamo un passo indietro a venerdì sera quando si sono registrati i successi di Blukippe Padova nel maschile e Renato Serra Cesena nel femminile nella prima prova di serie B nazionale. Nel maschile fino al 4° round era al comando l’Ares di Cinisello Balsamo davanti a Giovanile Ancona e Blukippe, situazione che non è mutata anche dopo la 5° serie. E’ la sesta rotazione a decidere la classifica finale con la Blukippe di Padova (191.200), davanti all’Ares (190.900) e la Giovanile Ancona (190.600).
Nel femminile grande prova, davanti al proprio pubblico, delle cesenati della Renato Serra. Le romagnole, decise a riconquistare quella A2 nella quale militavano fino all’anno scorso, hanno conquistato la vetta della classifica già dopo la quarta rotazione, davanti al Brixia ed al Victoria Torino. Sesta ed ultima rotazione decisiva per il podio, le cesenati non mollano la prima posizione (122.700) e precedono per pochi punti la Brixia Brescia (122.250), al 3° posto la Propatria 1883 Milano (121.350) che proprio nelle ultime fasi hanno superato le torinesi. Le premiazioni sono state effettuate dal presidente della Federazione Ginnastica, Riccardo Agabio, dal vice Walter Peroni e dal presidente della Pesaro Gym, Marco Cadeddu. La novità della serie B nazionale al venerdì sera, all’esordio nella serie tricolore, ha riscosso un buon successo di pubblico.
Appuntamento alla seconda prova, in programma il 5 marzo ad Ancona.

Condividi.

Notizie correlate