wpid-Gran-Premio.jpg

IPPICA: Il salto ostacoli azzurro torna a Milano Marittima

Sono quasi 500 i cavalieri, e altrettanti i cavalli, che da domani si cimenteranno sui percorsi disegnati dal direttore di campo Gianni Racca, per conquistare i titoli nazionali 2016. Oltre ai tre Campionati – Amazzoni, Tecnici e Veterani -, in palio ci sono le medaglie dei tre Criterium e dei cinque Trofei in programma, per un totale di undici categorie.
La formula di gara prevede le tre prove canoniche dei campionati, spalmate sui quattro giorni della kermesse. Domani a partire dalle 8 il Campo Mare ospiterà la prima prova del Criterium e del Trofeo riservati ai Tecnici 1° grado. Queste due categorie, a differenza di tutte le altre che disputeranno la prova finale domenica, si concluderanno già nella giornata di sabato.
Sempre domani, ma sullo scenografico campo in erba, gareggeranno i concorrenti del Campionato Veterani e del Campionato Tecnici 2°, che tra le teste di serie vede Andrea Messersì, in sella a Nanù. Il cavaliere marchigiano si presenta a Cervia dopo essersi messo al collo, per il terzo anno consecutivo, la medaglia d’oro del Campionato Centro Meridionale, disputato a Palermo a fine aprile.
Altro nome eccellente è quello di Marcello Carraro, raffinato cavaliere non professionista e amministratore delegato dell’omonimo colosso mondiale leader nella produzione di macchine agricole. Carraro, che proprio domani compirà 56 anni, ha rappresentato l’Italia in sette Coppe delle Nazioni, tra il 1994 e il 2010, con il 2° posto ad Atene e il 3° a Praga e Varsavia nel 1994. Molte le sue presenze in grandi concorsi internazionali come Piazza di Siena, San Patrignano, Pavarotti International, Madrid, Verona, Bagnaia, Napoli, solo per citarne alcuni.
Ma sono tanti i binomi da seguire durante queste quattro giornate di competizioni e molto atteso è anche il Trofeo d’Italia delle Associazioni, l’entusiasmante gara a squadre che prenderà il via nella giornata di venerdì per concludersi domenica con l’assegnazione delle medaglie.

Condividi.

Notizie correlate