karate-verucchio-mondiali-maribor-armeni-casalboni-bernardi

SPORT, KARATE: Tre riminesi ai mondiali in Slovenia

A tenere alto l’onore italiano, ma soprattutto romagnolo, ai Campionati del Mondo di Karate che si svogleranno a Maribor in Slovenia dal 5 all’8 novembre ci penseranno tre atleti riminesi. L’Accademia Hikary Ryu di Verucchio ha infatti sfornato i giovani ragazzi Giulia Armeni, Francesca Casalboni e Alberto Bernardi che gareggeranno nella specialità del combattimento (kumite). La comitiva, capitanata dal maestro, nonchè docente federale, Davide Telesca sarà affiancata dal tifo organizzato dalla scuola che organizza il viaggio per i tifosi e le famiglie degli atleti in gara.  “Sono eccezionali – ha spiegato il Maestro -, belli e bravi. Belli come atleti, un piacere vederli combattere, e belli come ragazzi, puliti, semplici. Bravi sia dentro che fuori la palestra. Per quanto riguarda la competizione, il lavoro che stiamo facendo, dopo la pausa estiva, è ai massimi livelli con una preparazione atletica, fisica e tecnica. Le loro potenzialità sono altissime, hanno lavorato bene e duramente e dopo il raduno nazionale abbiamo continuato e continueremo ad affinare alcuni aspetti legati alla concentrazione nel torneo dove in pochi minuti c’è la sintesi di tutto un anno. Sono sicuro che in gara daranno il meglio – conclude – e sono molto fiducioso sulle loro possibilità, e onorato di averli come allievi.”

Sarà una vera sfida sul tatami e il livello della competizione è di assoluto livello. Giulia Armeni detiene il titolo di campionessa mondiale Juniores 68kg conquistato nel 2013 e ha conquistato ai mondiali brasiliani l’argento nella categoria superiore seniores. In seguito a Londra è salita sul terzo gradino del ponto. In questa stagione è campionessa italiana juniores in carica e europea seniores. “Le soddisfazioni sono molte, ma è veramente difficile coniugare tutti gli impegni. Per me questi sono gli anni più difficili poiché devo anche costruire il mio futuro che non riesco ad immaginare senza karate, ma non di solo karate. Le competizioni ci danno una carica pazzesca e le sconfitte subite (poche) sono state uno stimolo ancora maggiore per migliorarci.”

Francesca Casalboni, cadetta -65 kg, è l’attuale detentrice del titolo di Campionessa Mondiale di categoria conquistato nel 2013 a Caorle (VE), del titolo di Campionessa Europea di categoria conquistato a Londra nel 2014 ed è Campionessa Italiana cadetti in carica: una tripletta fantastica e completa che ha visto Francesca primeggiare in questi tre anni con un percorso limpido e senza sbavature.  “Questi 3 anni di competizioni sono stati fantastici, ma ora sono anche molto concentrata a finire bene il liceo e soprattutto a superare i test universitari. Il Campionato Mondiale è un’occasione e devo dire grazie ai miei insegnanti che mi stanno dando l’opportunità di ottenere il massimo su entrambi i fronti. Il lavoro svolto in palestra è stato ottimo e mi sento veramente carica e motivatissima. So che affronteremo avversarie molto agguerrite ma questa è la mia ultima competizione come cadetta e vorrei lasciare scritto il mio nome.”

Nel suo primo anno a livello agonistico dopo anni di lavoro in palestra, Alberto Bernardi rientra nella categoria juniores +80 kg. E’ vicecampione italiano avendo conquistato ad aprile l’argento in una finale difficile che lo ha visto però, dopo una stagione ai massimi livelli, conquistare i punti necessari per avere il lasciapassare per la chiamata in nazionale. “Il karate è una disciplina e la competizione sul tatami è un modo di affrontare i propri limiti. So che a Maribor vi saranno atleti fortissimi e dai colpi pesanti, ma ho lavorato bene, sono concentrato e desideroso di dare il massimo indipendentemente dal risultato. Mi alleno ogni giorno anche fuori dalla palestra e sono grato al M° Davide per quello che è riuscito a trasmettermi e dove mi ha portato. Questa sarà la mia prima esperienza in azzurro, ma già al raduno nazionale ho visto un’ottima accoglienza ed un clima fantastico con ragazzi veramente motivati e capaci che mi hanno dato una carica ancora maggiore”.

Condividi.

Notizie correlate