wpid-Michaella-Krajicek-Internazionali-Imola.jpg

TENNIS: Internazionali di Imola, la Krajicek fa la voce grossa

Bastano 48 minuti alla testa di serie n.1 degli Internazionali di Imola 2016 – Trofeo Allianz Imola Piazza Matteotti (9-16 luglio, Tozzona Tennis Park, montepremi 25.000$) Michaella Krajicek (n.220 del ranking) per sbarazzarsi della malcapitata svizzera Sara Ottomano (6-1; 6-0) e completare, nella serata di ieri, il primo turno del main draw (singolare) romagnolo. Impressionante la facilità con la quale la tennista olandese, sorella del re di Wimbledon ’96 Richard, a suon di servizi ai 170 Km/h gestisce il debutto sulle rive del Santerno confermando la propria serissima candidatura al successo finale. L’unica wild card che accede al secondo turno del tabellone principale è la brasiliana Karolayne Alexandre Da Rosa, figlia dell’ex calciatore Emerson. Sale la posta in palio nei match odierni e rispondono presente Anna Blinkova che elimina l’esperta Alberta Brianti (6-4; 6-4), una Amanda Carreras (testa di serie n.2) al limite della perfezione contro Jelena Simic (6-0; 6-3), Jasmine Paolini opposta alla “Pumina” Da Rosa (6-3; 6-4) e Veronika Kudermetova in grado di estromettere Jessica Pieri, migliore italiana del ranking sul suolo imolese. Completato l’accesso ai quarti di finale del Doubles Main Draw (tabellone principale di doppio) con le affermazioni delle coppie Carreras [4]/Savoretti, Guidetti/Scala e Daniilidou/Sabino, il focus giornaliero tratta di pass per le semifinali dove figurano già per walkover il tandem Kudermetova [1]/Matteucci e per meriti sul campo il binomio Di Giuseppe/Masini.
Massimiliano Narducci (Direttore Internazionali di Imola): “La Krajicek ha mostrato tutto il meglio del proprio repertorio con quella disarmante facilità che appartiene alle grandi campionesse. Voti altissimi anche per la Blinkova, nel confronto a viso aperto con un’atleta dell’esperienza di Alberta Brianti, ed Amanda Carreras superlativa contro la Simic. Brava la Alexandre Da Rosa che, a conti fatti, è risultata la migliore delle wild card. Il cerchio si stringe ed il torneo entra nelle fasi salienti, un ringraziamento sentito alle tantissime persone che assiepano le tribune Nole e Serena, Imola risponde presente al cospetto del grande tennis”.

Condividi.