TV: L’Opinione di Luciano Poggi del 6 luglio – VIDEO

Hackett, Belinelli, Gallinari, Datome, Bargnani. Non sarà il Dream Team americano ma lo starting five della Nazionale italiana non ha nulla da invidiare a tante franchigie della Nba: non a caso diversi giocatori (i “big three” Beli, Gallo e Mago) sono parte attiva dello star system americano mentre gli altri militano nelle big europee. Eppure una squadra così forte è costretta a giocarsi la qualificazione ai Giochi di Rio al Preolimpico: che ci sia qualcosa da rivedere in questo assurdo meccanismo?

Condividi.