calarco-bonitta-spirito-bunge-ravenna-2016-2017.jpg

VOLLEY: La rinascita della Bunge parte dai giovani Spirito e Calarco

Pilastri. Luca Spirito e Simone Calarco sono promettenti elementi della Bunge Ravenna. Proprio gli ultimi due arrivati sono stati presentati da Bonitta in conferenza stampa: "due numeri primi, in quanto entrambi rappresentano per me una sorta di partenza. Luca, che conosco bene in quanto l’ho allenato nella nazionale Juniores, è stato il primo giocatore voluto da me, perché è da lui che volevo iniziare a costruire l’organico". Il 23enne, ancora da compiere a dir la verità, è alla sua terza stagione nella massima serie di volley. "Simone invece – spiega Bonitta – è il primo giocatore a cui ho pensato quando i dirigenti del Porto Robur Costa mi hanno detto di voler dare una connotazione ravennate alla squadra. Inoltre rispettano un altro requisito richiesto: entrambi sono molto giovani”. La parola è poi passata ai diretti interessati, con Spirito a rompere il ghiaccio. "Negli anni passati ho già assaggiato la Superlega e adesso mi sento pronto a tenere in mano una squadra. Non mi spaventa l’idea di essere il primo alzatore della Bunge ed è una responsabilità che voglio dimostrare di poter meritare. Chi è il mio modello? Beh, di sicuro Vermiglio. E’ stata una grande emozione per me giocare contro di lui in passato”. Il 21enne schiacciatore Calarco, non è nuovo a Ravenna perchè ha disputato dopo essere cresciuto nelle giovanili, un campionato di Serie C. “Il salto che sto compiendo – ha spiegato – è davvero molto tosto, ma è anche una grande opportunità da non perdere per me. Non vedo l’ora di partecipare agli allenamenti e di dare tutto quello che ho, cercando di crescere giorno dopo giorno – conclude l'ex Conselice -, non ho problemi a fare dei sacrifici per il bene della squadra”.

Condividi.

Notizie correlate