VOLLEY: Non c’è due senza tre: la Cmc Romagna passa al tie-break su Piacenza

Terza partita al Pala De Andrè e terzo tie break per la CMC che, dopo la vittoria con Latina e la sconfitta con Milano, la spunta contro la LPR e prende altri due punti utili per restare in corsa play-off. Tra le mure amiche del palasport ravennate i ragazzi di Kantor hanno faticato a esprimersi al meglio, subendo oltre misura in ricezione e offrendo una prova deficitaria dai nove metri. Il folto pubblico del De Andrè ha aiutato i ragazzi nell’impresa di rimontare per ben due volte la LPR, grazie all’apporto di tutto la squadra ma soprattutto di Torres, premiato MVP con 26 punti, Ricci e Van Garderen. Tra le fila piacentine, buone prove di Perrin e dei centrali Patriarca e Tencati. Alla gara erano presenti numerosi rappresentanti delle aziende locali dell’offshore, a cui la Porto Robur Costa ha dato sostegno e visibilità in questo periodo difficile. Era inoltre presente l’ospite in panchina Morigi, responsabile amministrativo dell’azienda CMC.
“Sono contento per la vittoria – commenta a caldo Kantor – ma credo sia un punto perso alla luce di quanto sappiamo fare e che oggi non abbiamo fatto. Venivamo da due buonissime prestazioni con Perugia e Trento e oggi dal punto di vista del gioco abbiamo fatto un passo indietro. Purtroppo siamo stati altalenanti, e abbiamo commesso tanti errori. E’ comunque la prima volta in campionato che facciamo punti per tre gare di fila, e questo ci deve dare fiducia. Sono felice per il pubblico, che ci ha aiutato e sostenuto fino alla fine. Da domani pensiamo a Latina”.

Il tabellino di Cmc Romagna-Lpr Piacenza 3–2 (17-25; 25-22; 17-25; 25-19; 15-12)
CMC Romagna: Mengozzi 3, Ricci 12, Cavanna 2, Van Garderen 16, Polo 2, Koumentakis 11, Goi (L), Torres 26, Bari (L), Boswinkel, Perini 1. N.e: Della Lunga, Zappoli. All. Kantor
LPR Piacenza: Coscione 2, Kohut 8, Ter Horst 6, Perrin 15, Papi 10, Sedlacek, Patriarca 13, Lampariello (L), Zlatanov, Luburic 8, Tencati 11, Tavares 2. N.e: Cottarelli. All. Giuliani

Condividi.