Fenice Cesena Giacomo Rossi

VOLLEY: Softer implacabile nel derby, la Fenice cede sul 3-1

Ad un passo dallo scherzetto alla vicecapolista. La Fenice Cesena esce sconfitta 3-1 (25-23, 14-25, 27-25, 25-22) dal derby di Forlì, ma lo fa a testa alta; anzi, altissima. Il sestetto di coach Raffaele Casadei, pur privo dell’infortunato Mughetti e dell’indisponibile Rasi, ha infatti messo alle corde la seconda della classe, dando vita ad un match dalle forti emozioni, dagli alti contenuti agonistici e anche da prestazioni individuali degne di nota. I cesenati, ora quinti in classifica dopo la terza giornata di ritorno, hanno interrotto al PalaCredito una striscia di 4 vittorie consecutive.
L’epilogo del primo set sposta subito l’inerzia del match, perché i cesenati, avanti 20-23, si fanno sorprendere, lasciando ai padroni di casa l’autostrada giusta per la rimonta e per il 25-23. Il secondo set non ha storia. Presa per mano da Gianluca Casadei, la Fenice affonda i colpi sul turno di battuta del presidente-giocatore (3-14), poi completa l’opera coi muri di Rossi e Arienti.
Sull’1-1 comincia un’altra partita. Il terzo set è equilibratissimo. Il colpo di coda di Forlì consente agli ospiti di arrivare 24-22. La Fenice annulla tre set ball, ma al quarto è costretta a lasciare strada al sestetto di Gabriel Kunda. Stesso canovaccio nel quarto parziale, coi bianconeri capaci di restare attaccati ai più titolati avversari fino al 23-22. Due errori consecutivi, agevolano i titoli di coda (25-22).
Fra le prestazioni dei singoli si segnala quella del centrale Giacomo Rossi, mvp del match, e capace di mandare agli archivi uno score di 16 punti con l’89 per cento in attacco ed il corollario di 7 muri personali. Anche l’altro centrale Arienti ha firmato una prestazione da incorniciare a muro (6), così come Gherardi in battuta (3 ace) e Casadei in attacco, dove ha concretizzato un buon 42 per cento.
Quello del PalaCredito è stato un derby speciale per gli ex forlivesi, ovvero coach Raffaele Casadei (dal ’93 al ’96 head coach in A2), il regista De Angeli; lo schiacciatore Gherardi (protagonista per tre campionati di A2) il libero Celetti, cresciuto nel vivaio forlivese fino al debutto in prima squadra nel 2007-08.
Ora la Fenice si prepara per dare l’assalto alla capolista Castelfranco Sotto. Sabato prossimo i cesenati faranno dunque visita alla prima della classe, che finora ha perso solo una partita, peraltro al tiebreak, alla prima giornata.

Il tabellino di Softer Forlì-Fenice Cesena 3-0 (25-23, 14-25, 27-25, 25-22)
FORLÌ: N.Kunda 9, Ramberti 1, Monti (L), Sirri 31, Olivucci 4, De Leonibus 3, Boschi 7, Zauli 3, Mambelli 4, Silvestroni 2, Pirini 1, Maresca 1; ne: Ricci. All. Querzola-G.Kunda
FENICE CESENA: G.Casadei 18, Celetti, Venturini, De Angeli, Arienti 10, Bertacca 9, Gherardi 14, Marchini (L1) 1, Rossi 16; ne: Quercioli, Montalti (L2). All. Casadei
Arbitri Antonioli e Censi di Forlì
Note – Durata set: 28’, 24’, 32’, 27’ per un totale di 1h e 51’. Forlì: bs 8, bv 7, muri 13; Cesena: bs 9, bv 6, muri 17. Spettatori 300

La classifica (le prime nove accedono alla serie B unificata del prossimo anno; le ultime cinque retrocedono in serie C regionale): Castelfranco Sotto 42; Forlì 35; Villadoro Modena 30; Mirandola 29; Fenice Cesena 28; Castelfranco Emilia 26; Puntozero Modena 25; Fucecchio 24; Zephyr La Spezia 22; Morciano 21; Orbetello 13; Scandicci 10; Spedia La Spezia 2

Condividi.

Notizie correlate