Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

In evidenza

EMILIA-ROMAGNA: Fallimento Mercatone Uno, Costi, "Decisione sconcertante" Politica

EMILIA-ROMAGNA: Fallimento Mercatone Uno, Costi, "Decisione sconcertante"

"Una decisione sconcertante, un comportamento davvero inaccettabile da parte della società proprietaria Shernon Holding.  Non solo per le modalità con la quale è stata annunciata ai lavoratori, ma anche perché è arrivata a pochi giorni dalla riunione prevista per giovedì prossimo, 30 maggio, a Roma nella sede del ministero dello Sviluppo economico e convocata per studiare insieme ai sindacati un piano di salvataggio e rilancio dell’azienda che al tempo stesso potesse offrire  le più ampie garanzia di tutela dei diritti dei lavoratori e di salvaguardia degli attuali livelli occupazionali. E sconcerta vedere il Governo, dopo mesi passati a garantire l'impegno a fare qualcosa senza che succedesse nulla, fare solo e ancora parole, come quelle di oggi del vicepremier Salvini, improvvisamente deciso a occuparsi lui della cosa, per avere qualche titolo sui giornali alla vigilia del voto". Lo dice l'assessore alle attività produttive della regione Emilia-Romagna, Palma Costi, dopo la decisione del tribunale di Milano che ha dichiarato il fallimento della Mercatone Uno, la nota catena della grande distribuzione di mobili, con 55 punti vendita e 1.800 dipendenti in tutt’Italia. “Non possiamo restare inerti – prosegue Costi - di fronte ad una decisione che cancella anni di impegno e di sforzi per il rilancio di un marchio storico dell’Emilia-Romagna e faremo tutto ciò che è nelle nostre possibilità per intervenire in difesa dei diritti dei lavoratori. Intanto giovedì prossimo sarò al Mise per partecipare in prima persona all'incontro convocato dal ministero. Andrò a Roma – conclude Costi - per chiedere al ministro Di Maio come intende intervenire a tutela della rete dei punti vendita e dei lavoratori che da troppi anni vivono  nell'incertezza, nonostante i tanti sacrifici fatti per sostenere una fase di procedura concorsuale. Saremo al fianco dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali e cercheremo come sempre di fare fino il fondo il nostro lavoro per trovare una soluzione a questa vicenda”.


ROMAGNA: Quanti voti servono per diventare sindaco? Facciamo il punto | VIDEO Politica

ROMAGNA: Quanti voti servono per diventare sindaco? Facciamo il punto | VIDEO

Quanti sono i voti che un candidato deve prendere per diventare sindaco della propria città? E come si compone il consiglio comunale? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. Alle 23 di domenica 26 maggio chiuderanno i seggi elettorali. A quel punto partirà immediatamente lo spoglio dei voti delle elezioni europee mentre, per quanto riguarda quelle amministrative, la conta inizierà lunedì alle 14. Ma quali sono i numeri, e le percentuali, che un candidato deve prendere per diventare sindaco? Innanzitutto bisogna dividere i comuni in due gruppi, quelli con meno di 15mila abitanti e quelli che, invece, ne hanno di più. A Forlimpopoli ad esempio, come di 13mila persone, chi la maggioranza relativa (diventa sindaco chi ottiene il maggior numero di voti). Mentre a Forlì che conta 116mila abitanti, la maggioranza deve essere assoluta: e cioè diventa sindaco chi ottiene il 50%+1 dei voti, in caso contrario si procede al ballottaggio tra i due candidati più votati. Per quanto riguarda la composizione del consiglio comunale, a Forlimpopoli la lista collegata al nuovo sindaco si aggiudica i 2/3 dei seggi mentre il restante viene diviso tra gli altri partiti in base alle percentuali ottenute.  Per i comuni superiori a 15mila abitanti è invece più complicato, in quanto è previsto il voto disgiunto (votare un candidato e una lista che non lo appoggia),  e, paradossalmente, si potrebbe arrivare ad avere un sindaco che non ha la maggioranza in consiglio comunale. Accatonando questa remota ipotesi: se la lista del sindaco vincente ottiene il 40% dei voti e nessun’altra lista supera il 50% allora viene distribuito il premio di maggioranza, che porta la lista vincente al 60%. Gli altri seggi vengono poi distribuiti secondo il metodo proporzionale. Il ballottaggio, abbastanza frequente nei grandi comuni, si può verificare anche nei piccoli, nel caso due candidati prendano lo stesso numero di voti. Se alla fine del secondo turno, sia nei grandi che nei piccoli comuni, due candidati dovessero ottenere lo stesso numero di voti, diventerà sindaco il candidato più anziano.


RIMINI: 700 litri di gasolio sversati in porto, due denunce e maxi multe Cronaca

RIMINI: 700 litri di gasolio sversati in porto, due denunce e maxi multe

A seguito delle indagini effettuate dalla Capitaneria di porto di Rimini sono state denunciate a piede libero per inquinamento colposo due persone, e sono state elevate sanzioni per circa 6 mila euro. Gli accertamenti sono cominciati alcuni giorni fa a seguito dello sversamento nelle acque del porto locale di quasi 700 litri di gasolio. La bonifica dello specchio d’acqua, operata dagli esperti, si è conclusa venerdì ma l’inchiesta, ai sensi del codice della navigazione, risulta ancora in corso.


FORLIMPOPOLI: Schianto nella notte, donna 63enne muore sul colpo | VIDEO Cronaca

FORLIMPOPOLI: Schianto nella notte, donna 63enne muore sul colpo | VIDEO

Una donna di 63 anni, Fiorella Mazzoni, residente a Forlimpopoli è morta in un incidente stradale accaduto attorno alle due nella notte tra venerdì e sabato sulla circonvallazione di Forlimpopoli. La vettura con al volante la donna, una Fiat Panda, subito dopo essersi immessa da una strada laterale sulla circonvallazione, è stata violentemente tamponata da una Citroen D3 con a bordo due giovani ventenni cesenati che stavano facendo ritorno a casa. Nell'urto, estremamente violento per la differente velocità delle due auto, la Panda è stata scaraventata a ruote all'aria nel fossato adiacente la sede stradale. Nulla da fare per la conducente: il personale del 118 non ha potuto fare altro che constatarne il decesso sul colpo. Ferite di lieve entità per i due giovani a bordo della Citroen.


FORLÌ: Scenata di gelosia sotto al balcone, il nuovo compagno della ex gli spara Cronaca

FORLÌ: Scenata di gelosia sotto al balcone, il nuovo compagno della ex gli spara

Si è presentato sotto casa della sua ex per una scenata di gelosia ed è stato colpito con tre colpi di pistola dal nuovo compagno della donna. E’ accaduto questa notte a Forlì attorno alle 2 e mezza. La vittima, un 36enne di origini pugliesi, si trovava sotto il balcone della donna nel tentativo di riconquistarla quando, proprio da questo, è spuntato un altro uomo che si è messo a sparare contro di lui con una pistola ad aria compressa. L’arma, regolarmente acquistata, era caricata con pallini di piombo che hanno colpito l’uomo alle spalle, al fianco e al petto provocandogli ferite gravi, tanto che sono stati gli stessi due amanti a chiamare l’ambulanza dopo essersi resi conto del danno causato. In pochi minuti sono arrivati gli uomini del 118 che hanno provveduto a trasportare la vittima all’ospedale di Cesena con codice di massima gravità. L’autore della sparatoria, anche lui pugliese, classe 1983, è stato invece portato in Questura e denunciato per lesioni aggravate. (immagine di repertorio)


Notizie recenti