Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

In evidenza

CESENATICO: Zia e nipote ancora in prognosi riservata, i soccorsi "Prese per un pelo" | VIDEO Cronaca

CESENATICO: Zia e nipote ancora in prognosi riservata, i soccorsi "Prese per un pelo" | VIDEO

Si trovano tuttora ricoverate in prognosi riservata all’ospedale Bufalini di Cesena le due persone, zia e nipote, che ieri sono state soccorse in mare a Cesenatico. Vediamo cosa è successo. Si trovano rispettivamente al reparto rianimazione e a quello di terapia intensiva pediatrica del Bufalini di Cesena. Sono una donna di 40 anni, di origine albanese ma da tempo residente a Cesenatico, e la piccola nipotina di appena 4 anni. Entrambe lottano tra la vita e la morte a seguito di un incidente capitato domenica pomeriggio a Valverde le cui dinamiche sono ancora al vaglio della Capitaneria di Porto. Le due vittime stavano nuotando in mare, più o meno all’altezza degli scogli. L’ipotesi più probabile è che la zia abbia avuto un malore e che la bimba si sia trovata quindi improvvisamente da sola in mezzo al mare. Fatto sta che i soccorsi le hanno trovate entrambe mentre galleggiavano prive di sensi, a pancia in giù. Dopo le manovre di rianimazione la piccola ha ripreso lentamente i sensi, al contrario della zia che è stata portata via ancora in stato di incoscienza. Entrambe sono tuttora in prognosi riservata.


RIMINI: Meeting, la giornata del presidente Cei, "paura genera insicurezza" | VIDEO Attualità

RIMINI: Meeting, la giornata del presidente Cei, "paura genera insicurezza" | VIDEO

La paura viene generata da "tanti fattori, insicurezza, un futuro incerto. Bisogna che uno vada a ripescare dentro di sé e veda veramente e faccia i conti con i doni che ha ricevuto". Sono le parole, a margine del suo intervento al Meeting di Rimini, del cardinal Gualtiero Bassetti, presidente Cei. "Ci sono tanti giovani, li vedo nell'Umbria, che non si sentono realizzati qui da noi nel lavoro, partono e vanno a spendere i loro talenti da altre parti. Quello che mi raccomando è che non si abbia paura perché la paura paralizza e ti impedisce di essere te stesso, ti impedisce di chinarti sull'altro, bisogna valorizzare i talenti di ognuno".  "La primavera italiana? Siamo ancora un po' nella notte. Siamo al cambio della sentinella di Isaia. Notte, freddo, cambia la sentinella. Quella che arriva domanda alla sentinella, quanto manca all'alba? E la sentinella risponde, l'alba viene, la primavera viene". Ha proseguito così il presidente della Cei a chi chiedeva un commento sulla situazione generale del paese.  Tutti i vescovi dei paesi bagnati dal mediterraneo saranno invitati dal 18 al 23 febbraio a Bari in una sorta si sinodo organizzato dalla Cei. Ha poi annunciato il cardinal Gualtiero Bassetti. "Bisogna affrontare insieme i problemi, tornare alle radici", ha ribadito il presidente dei vescovi italiani, commentando questa iniziativa che nelle intenzioni vuole affrontare i numerosi problemi che attanagliano il continente: migranti, guerre, la situazione libica e molto altro. La migrazione è ormai "un fatto globale, che va oltre all'Europa. Il rischio - ha detto Basetti - è che si diano risposte parziali senza affrontare i problemi alla radice. Io ho avuto questa intuizione: insieme coi i pastori di tutto il Mediterraneo per discutere di questi problemi. E' una specie di sinodo che faremo, concluso dal Papa". Sui fatti della Open Arms, "la mia posizione è molto semplice: noi facciamo il mestiere del samaritano. Dove sono andati quelli che sono sbarcati l'ultima volta?  Li abbiamo presi noi. E allora? E' molto semplice. Noi non siamo politici, non siamo operatori sociali, noi ci consideriamo nella missione e nella figura del samaritano". Lo ha detto ai giornalisti il cardinal Bassetti, presidente Cei, parlando a margine del Meeting di Rimini.  "Non dico una parola, aspetto che domani il presidente parli e poi si starà a vedere. Non dico niente rispetto a quello che ho detto per l'Assunta, vedete il fondo di Avvenire". Lo dice il cardinal Gualtiero Bassetti, presidente CEI, parlando con i giornalisti al Meeting di Rimini in merito alla situazione politica attuale. "La crisi c'è e va affrontata con tutte le forze. Ho detto tante volte che bisogna incentivare l'industria, incentivare i posti di lavoro. Ci vuole un po' di coraggio a partire, se non si mette in moto la macchina tra tre anni siamo ancora qui a dire 'la crisi'. Bisogna mettere in moto una grossa macchina perché si possa lavorare e produrre. Deve insomma ripartire un treno", ha poi aggiunto. Il presidente Cei ha parlato anche di giovani a margine del Meeting di Rimini. A chi chiedeva quale fosse il messaggio per loro, il card. Bassetti ha risposto: "Che abbiano fiducia, speranza, che spendano tutti i loro talenti e che abbiano coraggio e non s'arrendano alle prime battute perché è proprio la mancanza di coraggio che alla fine paralizza, rende inerti e ti toglie quella forza vitale che ti spinge ad andare avanti".


CESENATICO: Tragica scia di incidenti, un 19enne morto a Valverde | VIDEO Cronaca

CESENATICO: Tragica scia di incidenti, un 19enne morto a Valverde | VIDEO

Ancora un incidente mortale sulle strade del Cesenate. Una ragazzo di 19 anni di origini albanesi ha perso la vita lunedì mattina in sella al proprio scooter in uno scontro con un furgone. L’incidente è avvenuto intorno alle 9.30 a Valverde di Cesenatico. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco insieme ai sanitari del 118 con ambulanza e auto medicalizzata, ma per il giovane non c’è stato nulla da fare. Ancora da chiarire la dinamica del sinistro, secondo i primi riscontri in seguito allo schianto il furgone, condotto da un 35enne del posto, è salito sul motorino e il ragazzo è morto sul colpo. Il giovane lavorava in un ristorante di Pinarella. I carabinieri sono intervenuti per i rilievi. (video senza audio)


CESENATICO: Zia e nipote a faccia in giù nell'acqua, salvate ma in gravi condizioni Cronaca

CESENATICO: Zia e nipote a faccia in giù nell'acqua, salvate ma in gravi condizioni

Due persone sono state soccorse ieri pomeriggio dal personale di salvataggio di Cesenatico perché trovate prive di sensi mentre facevano il bagno in mare. Si tratta di una donna di 40 anni e della sua nipotina di 4, cesenaticensi di origine albanese. Le due, recuperate in un tratto di mare dove l’acqua è molto bassa, erano a faccia in giù e avevano bevuto molta acqua. Sono state immediatamente trasportate all’ospedale Bufalini di Cesena dove si trovano ora ricoverate in prognosi riservata nel reparto rianimazione. In questo momento il personale della Capitaneria di Porto sta indagando per capire le cause dell’incidente. (foto di repertorio)


ROMAGNA: Quinta scossa a Premilcuore, la più leggera da sabato Attualità

ROMAGNA: Quinta scossa a Premilcuore, la più leggera da sabato

Un’altra scossa, la quinta dal 17 agosto, ha fatto tremare la terra sotto Premilcuore all'una e 10 di lunedì notte, a 7 chilometri di profondità. Questa volta la magnitudo si è abbassata sensibilmente al grado 2 della scala Richter. La scossa più forte è stata la prima da 3.7 ML, registrata sabato alle 18.52 dall’Istituto nazionale geofisica e vulcanologia.


Notizie recenti