Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

FRANCESCA LEONI


FORLI’: Corte d’Assise, chiesta dalla difesa l’assoluzione piena per i genitori di Rosita | VIDEO Attualità

FORLI’: Corte d’Assise, chiesta dalla difesa l’assoluzione piena per i genitori di Rosita | VIDEO

Ha chiesto l’assoluzione piena perché il fatto non sussiste o non costituisce reato oppure in via subordinata che le attenuanti siano prevalenti alle aggravanti con la sospensione condizionale della pena. Queste le richieste dell’avvocato della difesa Marco Martinez alla fine di un’arringa durata quasi 6 ore. Si avvia alla conclusione il processo sul suicidio della 16 enne Rosiat Raffoni, la giovane che nel giugno del 2014 si gettò dal tetto del liceo classico Morgagni di Forlì. Imputati i genitori Roberto Raffoni e Rosita cenni entrambi accusati di maltrattamenti  fino alla morte e solo il padre istigazione al suicidio. Lo scorso  Mercoledì 16 maggio in aula ha parlato la pubblica accusa, rappresentata dal pubblico ministero Sara Posa, che ha chiesto 6 anni per il padre  e due anni e mezzo alla madre. Martedì In aula, davanti al giudice Giovanni Trerè e ai giudici popolari previsti dalla Corte d’Assise, c’è stata la requisitoria della difesa condotta dall’avvocato Martinez. “Sono commosso ed emozionato” ha esordito Martinez, “vista la particolarità della vicenda”. Una difesa che ha ripercorso i rapporti famigliari di Rosita si dalla tenera infanzia, approfondendo, in particolare, il rapporto con il fratello. Arrivando fino al periodo adolescenziale che ha reso i rapporti più difficili. Presentato il ritratto di una giovane determinata ma che aveva difficoltà a comunicare con i genitori, fatto che ha reso ardua la percezione del suo disagio da parte dei genitori stessi. Si ritorna in aula, quindi, per le fasi finali del processo il prossimo 14 giugno.



FORLI': Lite tra vicine a Cusercoli, le due donne finiscono all'ospedale Cronaca

FORLI': Lite tra vicine a Cusercoli, le due donne finiscono all'ospedale

Zuffa tra vicine a Cusercoli nel forlivese. Una rumena di 39 anni e una marocchina di 40 sono arrivate alle mani al culmine di una violenta  discussione nata probabilmente dalla difficile convivenza tra vicine. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri e i sanitari del 118 che hanno trasportato le due donne all’ospedale per gli accertamenti del caso.



RAVENNA: Il porto aderisce al fermo nazionale in solidarietà ai famigliari del 28enne deceduto a Taranto Attualità

RAVENNA: Il porto aderisce al fermo nazionale in solidarietà ai famigliari del 28enne deceduto a Taranto

Anche il Porto di Ravenna esprime la propria vicinanza ai famigliari del giovane 28enne deceduto ieri presso la banchina Ilva del Porto di Taranto in un incidente  avvenuto durante le operazioni di manutenzione di una gru. Alle 17,30 di oggi avverrà il fermo che coinvolgerà tutti i porti italiani che suoneranno le sirene per 5 minuti. Filt Cgil, Fit Cisl e Uil trasporti territoriali, unitamente alle segreterie nazionali, chiedono per l’ennesima volta che il Parlamento e i Ministeri competenti intervengano immediatamente approvando la normativa, già scritta, di aggiornamento del D.lgs 271 e 272 sulla sicurezza de i porti e riportando le Autorità di Sistema portuale ad agire nell’interesse generale della sicurezza sul lavoro.


EMILIA-ROMAGNA: 134.564 oggetti riutilizzati, è il risultato del servizio Hera “ Cambia Finale” Attualità

EMILIA-ROMAGNA: 134.564 oggetti riutilizzati, è il risultato del servizio Hera “ Cambia Finale”

6.773 ritiri, di cui quasi l’80% gratuiti a domicilio, per un totale di 134.564 elettrodomestici e arredi usati ma in buono stato cui è stata data un’opportunità di riutilizzo; sono i traguardi 2017 di ‘Cambia il Finale’, il servizio di Hera attualmente attivo in 80 comuni emiliano-romagnoli, realizzato, dal 2014 in collaborazione con Last Minute Market e 20 onlus locali, una delle quali opera nel cesenate. 584 tonnellate di ingombranti sottratti allo smaltimento, in un’ottica di sostenibilità ambientale e attenzione al sociale. L’iniziativa, infatti, si propone di dare nuova vita ai beni ingombranti, in prevalenza mobili ed elettrodomestici, ma anche indumenti e giocattoli, non più usati dai proprietari e ancora utilizzabili. Si alimenta, così, un circuito virtuoso e solidale del riuso, in linea con i principi dell’economia circolare che Hera ha fatto propri.  Ulteriori informazioni sull’iniziativa sono disponibili sul sito all’indirizzo: www.gruppohera.it/cambiailfinale.


FORLI’: 200 accessi abusivi in ztl al giorno, il risultato dei primi 10 giorni del sistema Mercurio Attualità

FORLI’: 200 accessi abusivi in ztl al giorno, il risultato dei primi 10 giorni del sistema Mercurio

Dallo scorso 8 maggio è diventato operativo il sistema di sorveglianza della ztl di Forlì, Mercurio. I primi risultati, come si legge sulla stampa locale, si possono già notare, anche se per avere un dato definitivo dell’impatto dell’accensione del sistema sul commercio e fruibilità del centro, ci vorranno circa 6 mesi. In calo gli accessi non autorizzati nella zona a traffico limitato, che si aggirano attorno ai 200 al giorno. Nei primi tre giorni di operatività del sistema i transiti generali in centro storico si sono mantenuti superiori ai 20mila. Dati in linea con quelli del periodo sperimentale. Arrivate in Comune, invece, circa 1600 nuove richieste di permessi per accedere alla ztl. Un inizio che conferma i numeri precedenti, per ora, in attesa di un risultato a lungo termine.