Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

FRANCESCA LEONI


RIMINI: Trovato in possesso di 6 dosi di eroina, arrestato 31enne tunisino | FOTO Cronaca

RIMINI: Trovato in possesso di 6 dosi di eroina, arrestato 31enne tunisino | FOTO

Nel  pomeriggio di mercoledì i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Rimini hanno tratto in arresto, in flagranza del reato di detenzione di sostanze stupefacenti, un 31enne tunisino, già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti di polizia. I militari, transitando nei pressi della stazione ferroviaria, hanno notato l’uomo, già noto in quanto già tratto in arresto in passato, che si aggirava con fare sospetto, osservando i giovani di passaggio come alla ricerca di potenziali clienti, tenendo stretto qualcosa in mano. I Carabinieri, pertanto, hanno deciso di fermarlo e di sottoporlo ad un controllo di polizia. Ed infatti, nonostante il maldestro tentativo di sbarazzarsi di quanto aveva in mano provando ad ingoiarlo, l’uomo è stato trovato in possesso di 6 dosi di eroina, dal peso complessivo di 8 grammi, nonché di una dose da circa un grammo di cocaina. Tutto lo stupefacente rinvenuto è stato sottoposto a sequestro in attesa di esperire le analisi di laboratorio del caso. L’uomo, espletate le formalità di rito, è stato dichiarato in arresto e trattenuto presso le camere di sicurezza della Stazione di Rimini Principale in attesa della celebrazione del rito direttissimo. Nel corso della mattinata di giovedì, a seguito di udienza di convalida svoltasi presso il Tribunale di Rimini, l’arresto è stato convalidato l’uomo è stato condannato ad 1 anno, 1 mese e 10 giorni di reclusione oltre al pagamento di una multa da 1350 euro.    


FORLI’: Inaugurata la prima edizione di Forlì4design | VIDEO Attualità

FORLI’: Inaugurata la prima edizione di Forlì4design | VIDEO

Inaugurato Forlì4design, l’evento dedicato al design che approda in città con un programma fitto di incontri, esposizioni, mostre e conferenze. 4 giorni alla presenza di designer di valenza internazionale che si concluderà domenica con un party di chiusura.


ROMAGNA: "Sua Maestà Anatomica G.B.Morgagni" protagonista della puntata di Ping-Pong su Teleromagna Attualità

ROMAGNA: "Sua Maestà Anatomica G.B.Morgagni" protagonista della puntata di Ping-Pong su Teleromagna

Giovedì 24 maggio, alle ore 21, su Teleromagna (canale 14), alla trasmissione "Ping Pong", condotta da Piergiorgio Valbonetti, "Sua Maestà Anatomica G.B.Morgagni" sarà il protagonista degli interventi di storici, medici, studiosi,studenti e attori della docufiction a lui dedicata. Ping Pong è il programma di approfondimento di Teleromagna che affronta temi di attualità e politica assieme ai protagonisti del nostro territorio ed è visibile in Emilia Romagna, Veneto e Marche. G.B.Morgagni, “Sua Maestà Anatomica” è stato un patologo forlivese, che ha rivoluzionato la medicina e ha fondato la patologia moderna. Francesco Puccinotti, storico della medicina ottocentesco, scrisse con enfasi di Morgagni che: "... se tutte le scoperte anatomiche fatte da lui dovessero portare il suo nome, forse un terzo delle parti del corpo umano, si nominerebbe da lui...".


RIMINI: Litiga con l’autista del bus e poi muore, 40enne indagato per omicidio colposo Cronaca

RIMINI: Litiga con l’autista del bus e poi muore, 40enne indagato per omicidio colposo

Muore dopo due giorni di agonia un 73enne riminese ricoverato all’ospedale di Urbino. All’origine una lite tra l’anziano e l’autista di un bus che lo stava accompagnando una gita all'eremo di Montecopiolo, domenica mattina. Ancora da chiarire la dinamica di quanto accaduto ma pare che l’anziano, al culmine della discussione, si sia avvicinato all’autista con fare minaccioso prima di cadere a terra battendo la testa con violenza. L'uomo è stato subito trasportato d'urgenza all'ospedale dove è, in seguito, deceduto. L'autista è indagato per omicidio colposo mentre la Procura ha disposto l'autopsia sul cadavere per chiarire se ci sia un nesso tra la caduta e la morte.


FORLI’: Appalto sul riscaldamento, scontro tra sindaco e presidente del consiglio comunale Attualità

FORLI’: Appalto sul riscaldamento, scontro tra sindaco e presidente del consiglio comunale

Scontro tra il sindaco di Forlì Davide Drei e il presidente del consiglio comunale Paolo Ragazzini sulla questione del bando della gestione calore. Come si legge sulla stampa locale, il primo cittadino ha replicato tramite mail alla proposta da parte dell’ufficio di presidenza di chiedere l’intervento sulla vicenda dell’Autorità nazionale anticorruzione. Richiesta che, come dichiara Drei, ha evocato ombre e sospetti sull’operato dell’amministrazione comunale. A far scaturire la vicenda  il Verde Sauro Turroni, che aveva svelato il contenuto del parere negativo del Dipe. A questo punto il Comune, visto il protrarsi della procedura, rischia di dover semplicemente prorogare l’attuale contratto in essere con Hera, mettendo a repentaglio i vantaggi economici che il nuovo accordo avrebbe prodotto.


FORLI’: Corte d’Assise, chiesta dalla difesa l’assoluzione piena per i genitori di Rosita | VIDEO Attualità

FORLI’: Corte d’Assise, chiesta dalla difesa l’assoluzione piena per i genitori di Rosita | VIDEO

Ha chiesto l’assoluzione piena perché il fatto non sussiste o non costituisce reato oppure in via subordinata che le attenuanti siano prevalenti alle aggravanti con la sospensione condizionale della pena. Queste le richieste dell’avvocato della difesa Marco Martinez alla fine di un’arringa durata quasi 6 ore. Si avvia alla conclusione il processo sul suicidio della 16 enne Rosiat Raffoni, la giovane che nel giugno del 2014 si gettò dal tetto del liceo classico Morgagni di Forlì. Imputati i genitori Roberto Raffoni e Rosita cenni entrambi accusati di maltrattamenti  fino alla morte e solo il padre istigazione al suicidio. Lo scorso  Mercoledì 16 maggio in aula ha parlato la pubblica accusa, rappresentata dal pubblico ministero Sara Posa, che ha chiesto 6 anni per il padre  e due anni e mezzo alla madre. Martedì In aula, davanti al giudice Giovanni Trerè e ai giudici popolari previsti dalla Corte d’Assise, c’è stata la requisitoria della difesa condotta dall’avvocato Martinez. “Sono commosso ed emozionato” ha esordito Martinez, “vista la particolarità della vicenda”. Una difesa che ha ripercorso i rapporti famigliari di Rosita si dalla tenera infanzia, approfondendo, in particolare, il rapporto con il fratello. Arrivando fino al periodo adolescenziale che ha reso i rapporti più difficili. Presentato il ritratto di una giovane determinata ma che aveva difficoltà a comunicare con i genitori, fatto che ha reso ardua la percezione del suo disagio da parte dei genitori stessi. Si ritorna in aula, quindi, per le fasi finali del processo il prossimo 14 giugno.