Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
Attualità

CESENA: Incentivi a chi si sposta in bici, tra pochi mesi scadono i finanziamenti | VIDEO


Si concluderà tra pochi mesi a Cesena il progetto #CambiamoMarcia, che distribuisce incentivi ai cittadini che scelgono di spostarsi usando la bicicletta. Facciamo un bilancio di questi tre anni.

829 partecipanti, 400mila chilometri pedalati con una media al giorno di 3 chilometri a persona, 90mila euro distribuiti ma, soprattutto, 57 tonnellate di Co2 non emesse nella atmosfera. Sono questi i numeri di #CambiamoMarcia, il progetto attuato a Cesena sulla mobilità sostenibile che, in pratica, elargisce incentivi economici a chi sceglie di utilizzare la bicicletta, al posto dell’automobile, per andare al lavoro o a scuola. Gli spostamenti sono monitorati costantemente ogni giorno tramite un’applicazione e il Comune paga 25 centesimi ogni chilometro percorso. Il progetto è stato attivato nel 2018 e da allora sempre più cittadini hanno deciso di aderire. All’inizio erano poche centinaia, ora sfiorano il migliaio. A novembre, tuttavia, scadranno i finanziamenti ministeriali e bisognerà trovare i soldi per continuare. “La nostra volontà è di rinnovare il progetto – spiega l’assessore Francesca Lucchi - prevedendo anche una più diretta partecipazione delle imprese, che possono supportarci nel coinvolgimento dei propri dipendenti. Anche con tale obiettivo è in questi giorni attivo, nei canali online e social dell’Amministrazione, un questionario che invita a meglio valutare le proprie abitudini e i cui risultati saranno utilizzati per pianificare le prossime iniziative in termini di incentivo alla mobilità”. Tra i progetti finanziati dal ministero che scadranno in autunno c’è anche il Pedibus, che porta i bambini a scuola a piedi. Se sugli incentivi alle biciclette bisognerà capire cosa succederà. Sul percorso sicuro casa-scuola per i bambini ci sono le rassicurazioni del Comune “è intenzione dell’Amministrazione continuare a sostenere e finanziare il progetto anche per i prossimi anni scolastici”