Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
Attualità

ROMAGNA: Da 2 marzo 'arancione scuro' tranne Forlì, “Scelta sofferta” | VIDEO


Da martedì prossimo anche i territori di Rimini, Ravenna e Cesena entrano nella fascia di maggiori registrazioni dal colore ‘arancione scuro’. Resta fuori al momento il distretto di Forlì: la fascia di 15 comuni che va da Santa Sofia a Bertinoro. La decisione è stata presa sabato pomeriggio al termine di un incontro tra sindaci, Ausl e Regione. Tra le misure più dure che saranno in vigore per due settimane, lo stop alle scuole, tranne che per i servizi educativi tra i zero e i 3 anni e le scuole d’infanzia. Le ragioni di una tale decisione, spiega la Regione, stanno nelle “indicazioni medico-scientifiche che evidenziano una situazione di criticità, con l'andamento del contagio in costante crescita, anche fra i giovani e nelle scuole”.

Una decisione “difficile e sofferta” ha detto il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. I dati mostrati ieri dell’azienda sanitaria prevedevano un aumento dei contagi nei prossimi giorni. “Nuove restrizioni rigorose, che tutti noi speravamo non sarebbero state più necessarie, ma che oggi appaiono come l'unica scelta possibile”, ha detto il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi.

Dunque, dal 2 marzo in questi territori, no agli spostamenti anche all'interno del proprio comune, e anche per visite a parenti e amici. L’attività didattica torna al 100% a distanza per scuole ed università. I negozi restano aperti con gli stessi limiti di prima. L’attività sportiva resta consentita all’aperto e in forma individuale. Le passeggiate possono essere fatte solo vicino casa.