Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
ROMAGNA: Durata immunità, avviato lo studio dell'Ausl su 10 mila sanitari
Attualità

ROMAGNA: Durata immunità, avviato lo studio dell'Ausl su 10 mila sanitari


L’Ausl Romagna ha avviato uno studio su circa 10 mila operatori sanitari a cui sono già stati somministrati i vaccini anti-Covid. Lo scopo è verificare la durata della protezione data dalla vaccinazione.

 

Alla data di approvazione dei primi vaccini anti Covid non era ancora nota quale sarebbe stata la durata della protezione da loro indotta. Si tratta di una di quelle incognite, come la trasmissibilità del virus dopo la vaccinazione, su cui la fase di farmacovigilanza dovrà fare luce.

Diversi gruppi di ricerca in tutto il mondo sono al lavoro per capire quanto duri l’efficacia dei sieri già impiegati nelle vaccinazioni di massa, e tra questi c’è l’Ausl Romagna che, insieme all’Università di Bologna, ha avviato il più grande studio italiano al riguardo. Tutti i dipendenti dell’azienda sanitaria, tra operatori e tecnici, che hanno già ricevuto la seconda dose e che sono nel periodo di immunizzazione potranno, su base volontaria, sottoporsi a periodici test per la misurazione del livello di anticorpi. Si tratta di un bacino potenziale di 10 mila persone.

Le prime somme di questo studio di sieroprevalenza denominato Sierovac verranno tirate tra circa un anno quando i ricercatori, guidati dal professor Vittorio Sambri, direttore del Laboratorio di Pievesestina, riassumeranno i risultati in una pubblicazione scientifica che potrà essere di riferimento a livello internazionale. Conoscere la “durata della presenza degli anticorpi IgG indotti dal vaccino e diretti contro la proteina virale ‘spike’”, afferma Sambri – “è presupposto indispensabile per la corretta programmazione delle future strategie di somministrazione vaccinale”. Lo studio riguarda i vaccini a mRNA di Pfizer e Moderna.