Guarda Teleromagna canale 14
ROMAGNA: La Riviera si tinge di giallo, dal 21 al 24 luglio torna Cesenatico Noir | FOTO
Attualità

ROMAGNA: La Riviera si tinge di giallo, dal 21 al 24 luglio torna Cesenatico Noir | FOTO

  • Di:
  • 229 visualizzazioni

La Riviera romagnola si prepara a una settimana da brividi: dal 21 al 24 luglio è di nuovo Cesenatico Noir, la rassegna culturale che porta nella località turistica i grandi nomi nazionali e internazionali del giallo, del noir e del mistero. La quinta edizione segna finalmente il ritorno in presenza dopo due anni di pandemia: gli incontri si alterneranno tra Piazza Ciceruacchio, a ridosso del Porto canale leonardesco e lo storico Grand Hotel, sulla terrazza che si affaccia sul mare. A presentare il programma dell’evento, durante una conferenza stampa questa mattina in Regione, il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, con il direttore artistico e ideatore del Festival, Stefano Tura, il direttore di Confesercenti Emilia-Romagna, Marco Pasi e il sindaco del Comune di Cesenatico, Matteo Gozzoli.   Sono più di 15 gli autori che raggiungeranno la Riviera romagnola nei cinque giorni di Cesenatico Noir: il francese di origine armena Patrick Manoukian, che con il nome d’arte Ian Manook ha raggiunto il successo internazionale con una trilogia ambientata nel deserto della Mongolia; il traduttore e editore Jacopo De Michelis, fresco della sua opera d’esordio che è già diventata un caso letterario; poi giornalisti-scrittori come i pluripremiati Brunella Schisa e Fabrizio Roncone. Tra le novità dell’edizione 2022 c’è Mistery Kids – Cesenatico in giallo, una nuova rassegna dedicata ai più piccoli, a cura della biblioteca Cartamarea: un totale di sette appuntamenti, a partire dal 18 luglio e fino a domenica 24, tra laboratori narrativi, presentazioni di libri e letture animate tutti dedicati al mistero: dalle creature fantastiche della tradizione emiliano-romagnola ai giallini dell’ispettore Andy Spaghetti, fino alle storie di fughe, intrighi e commissari con Carlo Lucarelli.