Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio

attualità


ROMA: Dietrofront del Governo “No alle passeggiate con i bambini” | VIDEO Attualità

ROMA: Dietrofront del Governo “No alle passeggiate con i bambini” | VIDEO

“Le misure restrittive resteranno in vigore almeno fino al 13 di aprile” Questo l'annuncio fatto ieri sera dal premier Giuseppe Conte che, incalzato dai giornalisti, ha anche fatto alcune precisazioni sulla possibilità di poter uscire di casa con i bambini. Queste le parole con cui Giuseppe Conte ha annunciato mercoledì sera agli italiani che dovranno stare a casa ancora per qualche settimana. Le attuali misure restrittive imposte dal governo sarebbero infatti scadute venerdì tre aprile. Invece niente da fare. Sebbene la curva dei contagi stia attenuando la sua salita, bisogna ancora tenere alta la guardia, soprattutto in virtù del fatto che, nonostante il virus stia rallentando, così non è per i decessi.727 i morti nella giornata di mercoledì per un totale di 13.155. Questo il motivo per cui il decreto del governo è stato prolungato fino a lunedì 13 aprile. A quel punto, se i dati fossero soddisfacenti, si potrebbe pensare di entrare nella fase 2. Nel corso della conferenza stampa Conte è poi tornato sulla circolare interpretativa del Viminale del 31 marzo. Quella che parlava della possibilità di fare delle passeggiate con i bambini piccoli e che aveva scatenato le proteste di molti sindaci, tra cui quelli di Piacenza e Rimini.


ROMAGNA: “Drive through”, partono i tamponi a bordo delle auto per pazienti positivi | VIDEO Attualità

ROMAGNA: “Drive through”, partono i tamponi a bordo delle auto per pazienti positivi | VIDEO

Si chiama “drive through” ed è la campagna di tamponi ai pazienti positivi al Covid-19,  partita mercoledì in alcuni ospedali della Romagna.  Il test ‘drive through’, è già stato utilizzato con successo in altre parti del mondo come Corea del Sud e Australia, e in questo momento è partito in sperimentazione in diverse strutture regionali. All’ospedale Morgagni Pierantoni di Forlì, la tenda, allestita dalla Protezione Civile Regionale è stata collocata dietro alla camera mortuaria. Nella prima giornata sono stati ventisette i tamponi effettuati, dalle 9 alle 14,  orario di attività che sarà esteso già dai prossimi giorni. In sunto il “drive through” serve per verificare se le persone giudicate positive e ora in quarantena sono o no guarite. Il paziente arriva a bordo della propria auto, preferibilmente da solo, si ferma davanti agli operatori per effettuare il test e poi riparte. I tamponi vengono fatti, esclusivamente su persone in isolamento domiciliare, invitate direttamente  dal Dipartimento di Sanità pubblica. Nel caso in cui l’esito del tampone sia negativo, il test va ripetuto il giorno dopo. Se il secondo tampone da esito negativo finisce il periodo di quarantena. Se invece il tampone da risultati positivi, il processo va ripetuto dopo una settimana. Anche a Ravenna è stato allestito il punto “drive through” nel retro del parcheggio del Cmp. Come primo giorno di attività sono stati eseguiti 18 tamponi in due ore e mezza con probabile ampliamento del servizio nei prossimi giorni.


EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, l’Urcofer si schiera con i medici contro avvocati "sciacalli" | VIDEO Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, l’Urcofer si schiera con i medici contro avvocati "sciacalli" | VIDEO

Gli avvocati dell’Emilia-Romagna si schierano con i medici e annunciano che si opporranno in maniera ferrea contro le cause di colleghi pronti a dar battaglia ai sanitari per problematiche connesse al Covid 19. La decisione è stata presa dall’Unione regionale dei consigli dell’ordine forense dell’Emilia-Romagna a fronte dell’aumento di studi legali che si stanno proponendo per avviare azioni risarcitorie nei confronti di medici o ospedali con disponibilità, in alcuni casi, anche ad assistere gratuitamente vittime e familiari. A fare il punto sulla situazione è il presidente dell'Urcofer regionale Mauro Cellarosi.


BOLOGNA: Deceduto primo detenuto a causa del Coronavirus Attualità

BOLOGNA: Deceduto primo detenuto a causa del Coronavirus

È deceduto all’ospedale civile di Bologna il primo detenuto per coronavirus. Si tratta di un ristretto del circuito ad alta sicurezza, ricoverato qualche giorno fa in stato di detenzione e poi ammesso agli arresti domiciliari a seguito del trasferimento in terapia intensiva. Era italiano, aveva 76 anni e pare fosse affetto da altre patologie. A riferirlo è Gennarino De Fazio, per la UILPA Polizia Penitenziaria nazionale, che ha dichiarato:  “Si è naturalmente costernati per la perdita di un’altra vita umana, ma non vogliamo e non potremmo strumentalizzare l’accaduto. Il Ministro Bonafede e il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria hanno tante colpe e responsabilità nell’assolutamente inadeguata gestione delle carceri, prima e durante l’emergenza sanitaria, che sarebbe inutile, inelegante e finirebbe col depotenziare le nostre continue denunce tentare di attribuirne loro delle ulteriori. Purtroppo, questo nemico invisibile sta facendo stragi ovunque e il carcere altro non è che una parte della società”.  


EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, parte collaborazione università-aziende su test Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, parte collaborazione università-aziende su test

Sono sette le università scese in campo a fianco delle imprese nella lotta al nuovo coronavirus, aderendo al bando 'Innova per l'Italia'. Hanno offerto alle aziende le loro competenze per le prove necessarie alla certificazione di mascherine e dispositivi di protezione, apparecchiature per terapia intensiva e sub intensiva, tamponi e test per la diagnosi. L'elenco delle università è stato comunicato dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (Crui) e reso noto dal ministero per l'Università e la Ricerca. Le università finora scese in campo sono quelle di Bologna, Camerino, Firenze, Federico II di Napoli, Politecnico di Bari, Politecnico di Milano, Politecnico di Torino.  L'elenco, rileva il ministero, è "in fase di ampliamento continuo" perché "il sistema universitario sta rispondendo complessivamente per dare copertura in breve tempo all'intero territorio nazionale".


Notizie recenti