Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
BOLOGNA: Diritti, Coop Alleanza 3.0 “A fianco alla comunità Lgbtq”
attualità

BOLOGNA: Diritti, Coop Alleanza 3.0 “A fianco alla comunità Lgbtq”


Una shopper in cotone sulla quale il logo che abbandona il suo tradizionale colore rosso per assumere tutti quelli dell’arcobaleno, simbolo delle lotte per i diritti LGBTQ+.  È questa l’evoluzione della campagna “Close the Gap” che da marzo vede Coop impegnata nella battaglia per la riduzione di tutte le disuguaglianze di genere attraverso progetti e cantieri di lavoro, coinvolgendo anche i fornitori di prodotto a marchio, i soci e i consumatori in uno sforzo collettivo indirizzato verso obiettivi tangibili, come ad esempio l’impegno per tagliare l’Iva sugli assorbenti femminili.

La Cooperativa dalla prossima settimana porta nei suoi punti vendita – oltre 350 tra ipercoop e supermercati dal Friuli-Venezia Giulia alla Sicilia – le bag arcobaleno accompagnate dallo slogan “Prendi questa borsa e prendi posizione”. “Una iniziativa che vuole marcare, senza lasciare dubbi – spiegano da Coop Alleanza 3.0 -, quale sia la posizione di Coop sul tema, vuole sensibilizzare i propri soci e anche contribuire concretamente alle varie comunità presenti nei territori di riferimento in cui Coop è presente”. Parte del ricavato, almeno 50 centesimi per ogni bag, sarà devoluto alle associazioni che si occupano di tutela dei diritti LGBTQ+ con progetti di inclusione e di contrasto alla discriminazione tra cui a Bologna, il Gender Bender Festival.

“Coop Alleanza 3.0 ha deciso di prendere posizione in modo netto sul contrasto alla discriminazione affermando con forza valori quali primo fra tutti l’inclusione che è uno degli elementi fondamentali insieme all’integrazione e all’eguaglianza che caratterizzano la cooperazione”, dichiara il presidente di Coop Alleanza 3.0, Mario Cifiello. “La Cooperativa vuole dare il suo contributo al benessere della comunità, che si costruisce un tassello alla volta senza lasciare spazio alle discriminazioni e ai pregiudizi, bensì promuovendo l’inclusione, l’apertura, la condivisione”.