Guarda TR24 Canale 11, il network all news del territorio
attualità

EMILIA-ROMAGNA: Facebook chiude profilo e lui gli fa causa, rimborso di 26mila euro | VIDEO


Sentenza storica del tribunale civile di Bologna che ha condannato il colosso Facebook a risarcire un utente dopo avergli cancellato il profilo.

26mila euro. Tanto dovrà sborsare Facebook nei confronti dell’avvocato Vincenzo De Gaetano per avergli cancellato il profilo social senza un valido motivo. L’ha stabilito il tribunale civile di Bologna in quella che può essere definita una sentenza storica. Una, seppur piccola, vittoria di Davide contro Golia. I fatti risalgono al gennaio del 2020. L’avvocato De Gaetano, come ogni giorno, accende il computer ed effettua l’accesso a Facebook, a quel punto però scopre che il suo account non esiste più: cancellato. L’utente allora contatta il servizio clienti per avere chiarimenti. "Mi hanno risposto dicendo che il mio account era stato permanentemente cancellato per violazione alle regole degli utenti" ci ha spiegato l'interessato.

Si è andati così a processo, durato diversi mesi per via del fatto che Facebook rispondeva dalla sua sede in Irlanda e quindi tutti gli atti dovevano essere tradotti e poi inviati oltremanica. L’accusa era quella di sottrazione e cancellazione di dati personali. L’avvocato De Gennaro, infatti, nel corso degli anni aveva accumulato nella sua pagina molti documenti utili, che utilizzava per lavoro per coltivare la sua passione di collezionista di cimeli militari. Alla fine il giudice ha stabilito che Facebook, cancellando i dati dell’utente, non aveva rispettato il contratto che viene stipulato al momento dell’iscrizione. Condannando quindi la piattaforma al rimborso.